Wada
Lapresse

L’annuncio tanto atteso è arrivato: l’agenzia Mondiale antidoping, la Wada, ha preso la sua decisione riguardante la Russia. Squalifica per quattro anni da tutti gli eventi sportivi principali, ma gli atleti che dimostreranno di non essere coinvolti nello scandalo doping, potranno competere sotto una bandiera neutrale.

Una decisione unanime presa oggi dal comunicato esecutivo Wada a Losanna.

La bandiera e l’inno della Russia non saranno quindi ammessi alle Olimpiadi di Tokyo 2020 e ai Mondiali di calcio 2022 in Qatar, due delle più importanti competizioni dei prossimi anni. L’agenzia antidoping russa, la Rusada, è stata dichiarata non conforme poichè avrebbe manipolato i dati di laboratorio consegnati lo scorso gennaio alle autorità. L’ultima parola spetterà al TAS dopo la richiesta di appello della Russia.

LEGGI ANCHE >>> Doping, Russia bandita dalle Olimpiadi? Nessun problema per i tennisti: ecco perchè