ibrahimovic
LaPresse/Spada

Una telenovela durata diverse settimane, fatte di messaggi criptici, tira e molla, contrattazioni a tavolino, passi avanti decisivi e altrettanti passi indietro che hanno rischiato di far saltare tutto. Adesso finalmente è quasi ufficiale: Zlatan Ibrahimovic sarà nuovamente un giocatore del Milan. Secondo la Rosea, le parti si sono accordate, vanno limati gli ultimi dettagli prima di poter dare l’ufficialità.

L’attaccante svedese, alla ricerca di un campionato competitivo per giocare gli ultimi anni di carriera, ha accettato un contratto di 6 mesi con un possibile rinnovo al verificarsi di determinate condizioni.

Il club rossonero, grazie al ritorno di Ibra, avrà finalmente il leader carismatico e tecnico che tanto gli è mancato in queste ultime stagioni. Ibrahimovic è l’uomo che ha firmato l’ultimo scudetto, è un giocatore che nonostante i 38 anni ha ancora fame di vittorie, sa come vincere e sa come trasmettere questa voglia ai più giovani e ai compagni che hanno meno confidenza con i grandi palcoscenici. Il bomber svedese sa anche come segnare e far segnare: forse l’aspetto più importante per l’attacco di un Milan che ha grande bisogno di fare gol a raffica.