crippa
foto di Giancarlo Colombo/FIDAL

Di corsa verso la fine dell’anno. Martedì 31 dicembre ritornano le tradizionali gare su strada nel giorno di San Silvestro, con due eventi internazionali in Italia. A Bolzano appuntamento per la 45esima edizione della BOclassic Alto Adige che annuncia alla partenza Yeman Crippa.

Il mezzofondista delle Fiamme Oro proverà a chiudere in bellezza un 2019 che lo ha visto protagonista: dall’ottavo posto nei 10.000 metri ai Mondiali di Doha, con il record italiano (27:10.76) sottratto dopo trent’anni a Salvatore Antibo, fino al bronzo europeo di appena tre settimane fa nel cross a Lisbona, lo stesso metallo conquistato nella passata stagione alla rassegna continentale su pista di Berlino. Nella classica altoatesina il 23enne trentino andrà in caccia del suo primo podio, per migliorare la quarta posizione del 2017.

Curiosità: l’ultimo azzurro vincente a Bolzano, nel 1988, è stato proprio Antibo. La prova maschile di 10 km (ore 15.30) attende quindi Yohanes Chiappinelli (Carabinieri), bronzo agli Europei di Berlino nei 3000 siepi che al recente Eurocross si è piazzato quinto tra gli under 23 trascinando la squadra italiana all’argento, ed Eyob Faniel (Fiamme Oro), quindicesimo sui 42,195 km nella capitale del Qatar. In chiave italiana, al via anche il tricolore assoluto di mezza maratona Nekagenet Crippa (Trieste Atletica), fratello di Yeman, con il siepista Osama Zoghlami (Aeronautica) e il vicecampione mondiale di corsa in montagna Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe), affiancati da Mohad Abdikadar (Aeronautica) e Yassin Bouih (Fiamme Gialle), specialisti dei 1500 metri.

Ma il favorito è l’etiope Telahun Haile Bekele, capolista mondiale dell’anno sui 5000 metri con il successo del Golden Gala in 12:52.98 all’Olimpico di Roma, prima del quarto posto di Doha e della vittoria nel Giro al Sas di Trento dove ha sconfitto il campione iridato Muktar Edris. Il suo principale avversario potrebbe essere il keniano Amos Kipruto, che nella maratona dei Mondiali si è messo al collo la medaglia di bronzo, in una start list che comprende l’ugandese Albert Chemutai (Athletic Club 96 Alperia) e il burundese Olivier Irabaruta (Us Quercia Trentingrana).

AZZURRE A BOLZANO – Tanta Italia anche nella gara femminile. Sui 5 km (ore 15.00) in azione le maratonete Sara Dossena (Laguna Running), diventata quest’anno la terza di sempre sulla distanza a livello nazionale (2h24:00), e Giovanna Epis (Carabinieri), altra azzurra che ha partecipato ai Mondiali di Doha. Poi la 19enne Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre), bicampionessa europea under 20 di corsa campestre dopo aver confermato il titolo con lo splendido trionfo dell’8 dicembre a Lisbona.

Fari puntati sulla leader dell’ultima edizione: l’etiope Netsanet Gudeta, oro mondiale di mezza maratona, cerca il terzo urrà in piazza Walther dove si è imposta anche nel 2015. Se la vedrà soprattutto con le keniane Margaret Chelimo Kipkemboi, argento iridato dei 5000 metri e seconda alla BOclassic del 2017, Mercy Cherono e Gloriah Kite, ma anche con l’etiope Alemitu Tariku, quest’anno vicecampionessa mondiale under 20 di campestre. Tra le altre italiane da seguire Giulia Viola (Fiamme Gialle), per il suo nuovo rientro agonistico da un infortunio, con Martina Merlo (Aeronautica) e Silvia Oggioni (Pro Sesto Atletica), azzurre all’Eurocross.

Giovani alla ribalta anche per la presenza della campionessa mondiale under 20 di corsa in montagna Angela Mattevi (Atl. Valle di Cembra) e di Ludovica Cavalli (Trionfo Ligure, tesserata dalla Bracco Atletica per la nuova stagione), entrambe nel team d’argento alla campestre continentale, senza dimenticare Nicole Reina (Cus Pro Patria Milano). Nell’evento allestito dal Lauferclub Bozen Raiffeisen, il programma sull’anello di 1250 metri è arricchito dalla consueta gara Ladurner, per atleti master e amatori. Inoltre la BOclassic Alto Adige è un Green Event: gli organizzatori si preoccupano di realizzare la manifestazione podistica nel modo più ecologico e sostenibile possibile. La certificazione corrispondente è stata assegnata dall’Agenzia provinciale per l’ambiente. Diretta tv della BOclassic su RaiSport martedì 31 dicembre dalle ore 14.50 alle 16.35.

ROMA, MEUCCI PER IL BIS – Un percorso spettacolare tra le meraviglie del centro storico di Roma, alla vigilia di Capodanno. L’Atleticom We Run Rome, corsa di 10 chilometri alla sua nona edizione, attraversa i luoghi più ricchi di fascino della capitale: dallo stadio delle Terme di Caracalla (partenza alle ore 14.00 del 31 dicembre) al Circo Massimo, piazza Venezia, via del Corso, piazza di Spagna, piazza del Popolo, il Pincio, villa Borghese, via Veneto, via dei Fori Imperiali, il Colosseo, per arrivare sulla linea del traguardo alle Terme di Caracalla.

Dopo la vittoria dell’anno scorso, ancora in gara l’azzurro Daniele Meucci. L’ingegnere pisano dell’Esercito che in ottobre a Francoforte ha corso la maratona in 2h10:52, in linea con lo standard d’iscrizione per i Giochi olimpici di Tokyo, sarà opposto all’etiope Milkesa Mengesha, campione mondiale under 20 di cross. Tra gli iscritti il grossetano Stefano La Rosa (Carabinieri), oro europeo per team di maratona, e l’abruzzese Daniele D’Onofrio (Fiamme Oro), terzo quest’anno nella rassegna tricolore sui 21,097 chilometri. Poi il campione italiano dei 3000 siepi Ahmed Abdelwahed (Fiamme Gialle) insieme a diversi azzurri degli ultimi Europei di campestre come Riccardo Mugnosso (Dk Runners Milano), argento under 23 a squadre, Michele Fontana (Aeronautica) e Mohamed Zerrad (Atl. Biotekna Marcon), e al maratoneta Yassine El Fathaoui (Circolo Minerva Parma), 2h11:08 in settembre a Berlino.

La stella della prova femminile è la turca Yasemin Can, quattro volte oro europeo di cross, ma attenzione all’ucraina Sofiia Yaremchuk (Acsi Italia Atletica), seconda un anno fa. Il cast di atlete italiane è guidato dalla campionessa italiana sulla distanza Fatna Maraoui (Esercito) e da Francesca Bertoni (Aeronautica), rientrata un mese fa vincendo la 10 km di Milano in 35:02, insieme a Valeria Roffino (Fiamme Azzurre) e Federica Sugamiele (Caivano Runners), che all’Eurocross hanno sfiorato la top ten piazzandosi rispettivamente undicesima e dodicesima, oltre a Maria Chiara Cascavilla (La Fratellanza 1874 Modena), terza nel 2018. A fianco della gara agonistica, gli organizzatori dell’Atleticom prevedono anche le non competitive di 10 km e 5 km.