Olimpiadi invernali 2018
Marco Alpozzi/LaPresse

Dopo la Fontana sui 1500, Martina Valcepina conquista un grande piazzamento sulla sua distanza preferita in Canada, nella seconda tappa stagionale di Coppa del Mondo. Quarta la staffetta femminile

Un altro podio, un’altra festa. Dopo il secondo posto di ieri nei 1500 metri a firma Arianna Fontana, nella terza e ultima giornata della seconda tappa di Coppa del Mondo sul ghiaccio di Montreal l’Italia sorride grazie all’altra stella azzurra, Martina Valcepina, che dopo la vittoria della scorsa settimana a Salt Lake City sfodera un’altra prestazione super sui 500 metri aggiudicandosi la seconda posizione alle spalle della padrona di casa Boutin. Per la campionessa valtellinese delle Fiamme Gialle un piazzamento che le permette di mantenere il comando nella classifica di specialità in Coppa del Mondo nonché stampare l’ennesima dimostrazione di forza sulla sua distanza preferita. Sempre nei 500 metri la Fontana non ha invece preso parte ai quarti di finale per un fastidio fisico. Grande prova tricolore anche nella seconda sessione dei 1000 metri dove Cynthia Mascitto (Skating Club Courmayeur) ha raggiunto la finale A piazzandosi in quinta posizione mentre Nicole Botter Gomez (C.P. Pinè) ha terminato al quarto posto la sua finale B. Da registrare al maschile una finale B anche per Yuri Confortola (C.S. Carabinieri), quinto sul traguardo sempre sui 1000 metri. Italia ai piedi del podio,

Italia poi ai piedi del podio con la staffetta femminile: la squadra azzurra formata da Valcepina, Mascitto, Arianna Sighel (Fiamme Oro) ed Elena Viviani (Fiamme Gialle) in finale A chiude al quarto posto alle spalle, rispettivamente, di Cina, Russia e Canada. Prima in finale B, infine, la staffetta maschile con Dotti, Confortola, Pietro Sighel (Sporting Club Pergine) e Andrea Cassinelli (Velocisti Ghiaccio Torino) vittoriosi davanti a Francia, Stati Uniti e Giappone. Si archivia così un’altra positivissima tappa di Coppa del Mondo per la Nazionale italiana degli allenatori Ludovic Mathieu e Assen Pandov. Dopo Salt Lake City medaglie e piazzamenti anche a Montreal con Fontana e Valcepina fari dell’intero movimento.