sei giorni di enduro

Confermato il 3° posto nel Trofeo e nel Trofeo Junior così come tra i club, irisultati ufficiosi del terzo giorno di gara

Terzo giorno di gara, nuovi percorsi. La Sei Giorni di Enduro 2019, in fase di svolgimento in Portogallo, oggi ha visto i piloti confrontarsi sulle Prove Speciali disegnate tra l’Autodromo dell’Algarve e Marmelete, a nord dell’impianto. Il primo test – più tecnico rispetto ai successivi, molto veloci – si è svolto sotto la pioggia, che nel corso della giornata ha lasciato spazio a sole e polvere.

World Trophy – Nel Trofeo, la prestazione di squadra è stata complessivamente migliore rispetto alle giornate precedenti. Davide Guarneri ha ottenuto l’8° posto assoluto di giornata in 56’17’’67 attestandosi al terzo posto nella E2. Thomas Oldrati si è piazzato 13° (8° della E1) con un tempo di 56’48’’05 precedendo di pochi secondi Matteo Cavallo, 15° e 9° della E1 in 56’55’’98. 17° e 3° della E3 Rudy Moroni, con un crono di 57’00’’50. Guarneri e Moroni sono attualmente terzi nella classifica cumulativa delle classi E2 ed E3.

Nella graduatoria a squadre, gli Stati Uniti hanno scavalcato l’Australia e sono in testa con un tempo di 7h31’07”90. Attardati di 1’12”41 gli aussies mentre l’Italia è saldamente al terzo posto con un crono di 7h38’08”30. Il vantaggio accumulato dagli azzurri sulla quarta in classifica, ora la Finlandia, è di 4’08”. Quinta la Francia.

Junior World Trophy – Andrea Verona è stato ancora il riferimento azzurro, con il 7° posto assoluto – 3° della E1 – in 56’15’’89. Il ventenne è 3° nella graduatoria della E1 dopo i tre giorni di gara. Matteo Pavoni e Claudio Spanu si sono classificati rispettivamente 8° della E3 e 17° della E1 con tempi di 57’59’’87 e 58’25’’34.

La Maglia Azzurra Junior ha mantenuto il terzo posto nella graduatoria a squadre con un crono di 7h46’11’’17. Al comando è l’Australia con 4’12’’ di vantaggio sugli azzurri e davanti agli Stati Uniti. Non lontano dal terzo posto la Francia, quarta.

Club Team Award – 5° assoluto tra i club, oggi Manolo Morettini ha vinto la C1 mentre Enrico Zilli e Simone Bernini hanno chiuso più attardati. Il Moto Club Italia ha mantenuto il terzo posto dietro all’XC Gear (al comando in 6h14’09”80) e al team Lozere.

Visto l’annullamento odierno della prova di accelerazione, l’inizio del Trofeo Vintage Veterans è stato rinviato a domani.

“Non potevo mancare a questa Sei Giorni”, ha dichiarato il Presidente FMI Giovanni Copioli, arrivato ieri a Portimão. “Le squadre della Maglia Azzurra si stanno comportando bene e i ragazzi si impegnano molto; abbiamo appena concluso la prima metà di ISDE e i nostri daranno il massimo anche nei giorni futuri. Rivolgo un grande incoraggiamento a tutti i partecipanti dei Moto Club FMI, la cui passione dimostra quanto l’Enduro italiano sia vivo e con piloti desiderosi di mettersi in gioco. Inoltre ricordo che la Sei Giorni 2020 sarà ospitata in Italia, dal 31 agosto al 5 settembre con base presso l’Aeroporto di Rivanazzano (PV). Sono orgoglioso di quanto il movimento italiano dell’Enduro sta facendo per questo sport”.

Cristian Rossi, Commissario Tecnico FMI“Nel Trofeo la situazione è migliorata dal punto di vista della classifica assoluta individuale e, di conseguenza, come squadra. I piloti italiani hanno occupato posizioni di maggior rilievo e quindi ne abbiamo beneficiato consolidando la terza posizione. Nel Junior Trophy prosegue il testa a testa con la Francia; dobbiamo continuare a dare il massimo per rimanere nella top 3, dove in questo momento ci troviamo anche con il Moto Club Italia”.

Domani verrà ripetuto lo stesso percorso di oggi: il “Monchique Challenge”, lungo 266 chilometri e caratterizzato da sette Prove Speciali. L’ultima si percorre tutti i giorni della competizione.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE