Innerhofer
AFP/LaPresse

A Copper Mountain è giunto il tempo della velocità, le sensazioni di Innerhofer alla vigilia della sfida nordamericana di Coppa del Mondo

Con l’arrivo a Copper Mountain di Elena Curtoni, Nicol Delago e Nadia Delago, si è completato il contingente delle squadre di velocità che prenderanno parte alla trasferta nordamericana di Coppa del mondo. Il trio si è unito a Federica Brignone, Sofia Goggia, Marta Bassino, Francesca Marsaglia e Roberta Melesi, già presenti in Colorado da una settimana. Nella stessa località stanno lavorando anche i colleghi del team maschile, presente con Dominik Paris, Emanuele Buzzi, Peter Fill, Mattia Casse, Matteo Marsaglia, Federico Simoni e Christof Innerhofer. Il programma prevedeva un graduale passaggio dalle discipline tecniche alla velocità, con tre giorni di gigante, a cui sono seguiti tre giorni di supergigante, fino ad arrivare in questi giorni alla discesa. Nel gruppo lavorano a pieno regime anche Fill e Innerhofer, di rientro dopo gli infortuni patiti nella passata stagione. “Sta procedendo tutto secondo i piani – afferma Innerhofer -, decideremo nei prossimi giorni insieme allo staff tecnico se prendere parte alle gare di Lake Louise (discesa sabato 30 novembre, supergigante domenica 1 dicembre, con prove al via mercoledì 27 novembre, ndr)“.

A Livigno sono invece in raduno fino a sabato 23 novembre quattro gigantisti: Luca De Aliprandini, Giulio Bosca e Hannes Zingerle, a cui si aggiunge il rientrante Andrea Ballerin, costretto a saltare l’esordio di Soelden per un infortunio al ginocchio. Il suo obiettivo è quello di rientrare per il prossimo appuntamento fra le porte larghe di Beaver Creek di domenica 8 dicembre. Al quartetto si sono unite anche Karoline Pichler e Laura Pirovano, alle prese con la rifinitura per il gigante di Killington di sabato 30 novembre.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE