©2018 Diego Barbieri / FISG

La coppia campione nazionale della danza porta sul ghiaccio un libero da applausi e chiude sul podio con il personal best a 203.34 punti, più forti anche del dolore e delle difficoltà

Arriva da Grenoble il primo podio azzurro della stagione di ISU Grand Prix. Sul ghiaccio francese della terza tappa del circuito internazionale Charlene Guignard e Marco Fabbri (Fiamme Azzurre) confermano il piazzamento ipotecato ieri nel corto e gudagnano così la terza posizione assoluta alle spalle dei padroni di casa Papadakis-Cizeron, primi con 222.24 punti, e degli statunitensi Chock-Bates, secondi a quota 204.84.

Per i campioni tricolori della danza è arrivato invece un punteggio complessivo di 203.34personal best a seguito del loro miglior libero fissato a 123.69 (69.56 di valore tecnico e 54.13 per le components). Un secondo segmento di assoluto valore dal punto di vista tecnico e interpretato in maniera esemplare sulle splendide note di “Life on Mars?” e “Space Oddity“. Per Guignard-Fabbri arriva così il quarto podio consecutivo nelle ultime quattro presenze al Grand Prix dopo i tre (finale compresa) della scorsa stagione. Di certo quanto compiuto oggi a Grenoble dal tandem tricolore ha dell’eccezionale in virtù del recente infortunio occorso a Marco, anche oggi sul ghiaccio con un invalidante tutore alla mano destra che ha costretto gli allievi di Barbara Fusar Poli a rivedere i programmi proprio alla vigilia dell’appuntamento transalpino. Certo, la strada verso la finale di Torino si fa in salita, ma non è ancora impossibile.

Tra le coppie di artistico arriva invece un 8°posto finale per Rebecca Ghilardi e Filippo Ambrosini (IceLab) che dopo l’ottimo corto di ieri con personal best non riescono a replicare anche nel libero chiudendo il secondo segmento con 98.30 punti (45.20 di valore tecnico e 54.10 per le components; -1 di deduzione). Per il tandem tricolore arriva dunque un punteggio totale di 157.92 in questo esordio assoluto in una tappa di Grand Prix.