LaPresse/Xinhua

Il nuotatore cinese parteciperà domani all’udienza davanti al TAS, al termine della quale potrebbe arrivare una pesante squalifica

La giornata di domani sarà cruciale per la carriera di Sun Yang, il nuotatore cinese infatti comparirà davanti al TAS di Losanna per assistere all’udienza in cui verrà discusso il comportamento tenuto nel settembre 2018.

LaPresse

Il tre volte campione olimpico a Londra 2012 e Rio 2016 infatti è stato accusato di aver distrutto il proprio campione di sangue con un martello, durante un controllo senza preavviso. Un gesto inserito all’interno di un rapporto redatto dalla commissione Antidoping della Federazione internazionale di nuoto, scritto a gennaio, e finito davanti al TAS dopo l’appello della WADA alla decisione della FINA di far decadere il caso per un vizio di forma. Una scelta che ha permesso a Sun Yang di partecipare ai Mondiali di Gwangju dello scorso luglio, spingendo molti nuotatori alla protesta. Il cinese rischia da due a otto anni di squalifica, una spada di Damocle che l’asiatico proverà ad evitare parlando lui stesso nel corso dell’udienza di Montreux.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE