Marcus Smart
LaPresse/Reuters

Marcus Smart denuncia un episodio di razzismo subito durante Nuggets-Celtics: un tifoso avversario gli avrebbe urlato di inginocchiarsi

Marcus Smart ha denunciato un brutto episodio di razzismo capitatogli durante la sfida fra Nuggets e Celtics. Il cestista di Boston ha avuto un battibecco con un tifoso avversario che, come capitato anche a Westbrook in passato, gli ha urlato di inginocchiarsi.

Marcus Smart (LaPresse/ EFE/LISA HORNAK)

Nel post gara Smart si è sfogato spiegando l’accaduto: “il mio piede era rimasto bloccato dalla sedia della prima fila, quindi sono inciampato. Subito dopo un tifoso mi ha urlato: ‘giusto così! Rimani a terra e mettiti in ginocchio!’. Scusa?! Gli ho risposto per le rime dicendogli: ‘ascolta, guarda la partita e stai zitto perché se fossimo per strada ti garantisco che non diresti nemmeno una parola’. L’ho riferito anche alla security, ma non ha fatto niente. Ho detto loro chi fosse il tifoso in questione. Lo hanno semplicemente guardato e non gli hanno detto niente. Non l’hanno nemmeno portato via. Se fossi una superstar probabilmente avrebbero fatto qualcosa, invece… Come ho detto, alla fine finiremo per proteggerci da soli e non sarà bello per quei tifosi. Non lo vogliamo, il campionato non lo vuole, non lo vogliamo come giocatori, ma a un certo punto devi proteggerti e farlo come uomo. Questo è un problema della Lega che dobbiamo assolutamente risolvere perché se noi giocatori ci muoviamo in nostra difesa, poi saremo i primi a pagare e ad andare nei guai. Mentre a loro non capita e questo non è giusto. Alcuni di noi hanno figli, mogli, fidanzate, genitori che guardano le partite e quando succedono queste cose diventa sempre molto difficile gestirle al meglio”.

Marcus Smart ha poi rivolto un messaggio ai tifosi: “andiamo su ogni parquet a giocare e voi, ragazzi, venite a guardarci. Noi vi rispettiamo, tutto ciò che chiediamo è di rispettarci perché se fossimo per strada le cose, invece, verrebbero gestite diversamente”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE