Kendrick Nunn
Credits: Instagram @nunnbetter_

Kendrick Nunn mette da parte la modestia e si autoproclama favorito per il premio di rookie of the year: il talentino degli Heat incassa anche i complimenti di Wade e Rose

L’inizio di stagione di Kendrick Nunn è stato a dir poco stellare. Il giovane rookie dei Miami Heat ha messo insieme 16.5 punti e 3 assist di media, tirando dall’arco con il 40.5%, numeri niente male per un giovane.

In attesa di valutare l’impatto di Zion Williamson sulla lega, Nunn ha ammesso, ai microfoni di The Athletic, di sentirsi favorito per il premio di rookie of the year: “sì, onestamente mi sento il favorito nella corsa al premio di rookie dell’anno al momento. È molto presto per stilare una classifica definitiva, ma le mie prestazioni di certo al momento mi fanno partire avvantaggiato sugli altri. La speranza è soltanto quella di mantenere questo standard di rendimento, a quel punto il premio sarà inevitabilmente mio. Cosa mi ha detto Wade? L’abbraccio con Wade mi ha dato i brividi: per noi di Chicago è un’icona, a prescindere dal fatto che io adesso giochi con Miami. Mi ha detto di lavorare duro, di essere una spugna nell’imparare tutto, di ascoltare prima di dire la mia”.

Del resto, anche Derrick Rose, anche lui nativo di Chicago come Nunn, si è accorto del talento della giovane stella degli Heat: “mi ha fatto i complimenti per i risultati che sto ottenendo in campo e mi ha dato un sacco di consigli. Significa tantissimo per me, lui è il modello al quale mi sono ispirato in ogni fase della mia crescita. Sono stato ai suoi camp a Chicago, mi ha aiutato già tanto nel mio percorso”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE