valentino rossi
AFP/LaPresse

Nono miglior tempo in pista nella prima giornata dei Test di Valencia per Valentino Rossi: il ‘Dottore’, soddisfatto delle prime prove effettuate, scherza sul suo rinnovo

Prima giornata di test positiva in quel di Valencia per Valentino Rossi. Il ‘Dottore’, archiviata la stagione 2019, si è preparato insieme ai colleghi per la prossima annata, provando diverse novità in vista del 2020. Dopo aver raccolto il nono miglior tempo in pista, Valentino Rossi ha dichiarato a Sky Sport: “prima giornata positiva, abbiamo lavorato tanto sulla moto prototipo 2020 che è diversa su telaio e motore. Primo feeling buono, siamo messi piuttosto bene. A fine giornata abbiamo lavorato un po’ sul setting, ci siamo trovati bene. Nell’ultima oretta sono stato veloce, ho avuto un buon ritmo anche con le gomme usate che è molto importante. Prima giornata positiva. Qui a Valencia il rettilineo è abbastanza corto, ma sulla velocità massima la moto va un pochino meglio. C’è tanto da lavorare, c’è ancora un po’ da recuperare. Sviluppare ancora il motore? Sì, non è il motore definitivo. È importante provare uno step ulteriore tra Valencia e Jerez. C’è tanto da lavorare e in Yamaha lo sanno. Rinnovo come Bonucci? Fino al 2024 non ce la faccio… è un po’ troppo“.

valentino rossi
AFP/LaPresse

Ai microfoni di Motorsport ha poi aggiunto: “sono salito sulla moto nuova e per il 90% del tempo ho girato con quella perché mi sono trovato bene. Non abbiamo fatto troppi ‘back to back’ e siamo già sulla via per il 2020. E’ una moto leggermente diversa sia a livello di telaio che di motore, ma come primo feeling siamo già messi abbastanza bene.

David Munoz? Ci siamo trovati bene, ma ci vuole tempo perché devono cambiare un po’ di cose naturalmente. Il primo approccio comunque è stato positivo, ma me lo aspettavo perché lo conosco, perché lavorava nel nostro team (Sky Racing Team VR46, ndr). Ha lavorato bene anche con il resto del team, ma è ancora molto presto. L’organizzazione del lavoro rimarrà simile, ma deve un po’ studiare perché questa moto è diversa da una Moto2. Questi test quindi per noi sono importanti. Però è bello perché ci sono delle nuove motivazioni e dei nuovi automatismi che devono mettersi a posto. Nell’ultima ora abbiamo lavorato anche sul setting e sono riuscito ad essere abbastanza veloce pure con le gomme usate, che è molto importante”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE