jorge lorenzo
AFP/LaPresse

Jorge Lorenzo si ritira dalla MotoGp: sui social una profonda e commovente lettera d’addio

La MotoGp perde un grande campione: Jorge Lorenzo ha infatti annunciato ieri a Valencia, in una conferenza stampa straordinaria, al fianco di Ezpeleta e davanti a tutti i suoi colleghi, il suo ritiro dal mondo a due ruote. Dopo un lungo silenzio, dopo aver ricevuto un’infinità di messaggi, il maiorchino ha deciso di postare un lungo e bellissimo post sui social per salutare la MotoGp.

Ci sono 4 giorni significativi nella carriera di un pilota. La tua prima gara, la tua prima vittoria, il tuo primo campionato e il giorno in cui ti ritirerai. Sono qui per dirvi che questo giorno è arrivato per me. Voglio annunciare che questa sarà la mia ultima gara in MotoGP.

Quelli che hanno lavorato con me, sanno quanto sono un perfezionista e quanto mi dedichi al lavoro. Dopo 9 anni indimenticabili con Yamaha (i migliori della mia carriera) ho sentito di aver bisogno di un cambiamento. Passare alla Ducati mi ha dato quella grande spinta di cui avevo bisogno e anche se i risultati erano cattivi ho usato quella motivazione in più e alla fine ho vinto quella gara speciale al Mugello. Quando ho firmato per la Honda ho avuto una sensazione simile, realizzando uno dei sogni di ogni pilota: essere un pilota ufficiale della fabbrica HRC.

Le ferite presto hanno avuto un ruolo importante nella mia stagione e la moto non mi è mai sembrata naturale. Comunque, non ho mai perso la pazienza e ho continuato a combattere. Ma, quando ho iniziato a vedere un po ‘di luce, ho avuto quel brutto incidente nel test di Montmeló e alcune settimane dopo quello brutto ad Assen. Quando ho smesso di rotolare nella ghiaia, il primo pensiero è stato “Cosa sto facendo qui?” Amo questo sport, amo guidare e amo vincere. Ma se non sono in grado di lottare per qualcosa di grande, non riesco a trovare la motivazione per andare avanti. Mi dispiace molto per la Honda, specialmente per Alberto. Ricordo il giorno in cui ci siamo incontrati a Montmeló e gli ho detto “Non fare un errore nel firmare il pilota sbagliato, fidati di me e non te ne pentirai”. Molto tristemente, devo dire che ho deluso lui e tutto il team . Ma Jorge e HRC non possono essere qui solo per guadagnare punti!

Mi sento così fortunato da poter ottenere molto di più di quanto avessi mai immaginato. Ho sempre lavorato molto duramente, ma senza essere nel posto giusto al momento giusto e senza l’aiuto di molte persone che hanno lavorato con me, sarebbe stato impossibile.

Ecco perché vorrei ringraziare tutte queste persone. Soprattutto Carmelo e Dorna. Derbi, Aprilia, Yamaha, Ducati, Honda, Giampiero Sachi, Gigi Dall’igna, Lin Jarvis e Alberto Puig. Mia madre per avermi portato in questo mondo. Mio padre, per avermi mostrato la passione per questo sport. I miei fan e il mio fan club per l’amore incondizionato. Tutte le persone che lavorano con me come una squadra personale. Grazie.