Vinales
AFP/LaPresse

Le parole di Viñales, Marquez e Dovizioso nel parco chiuso dopo il Gran Premio della Malesia, vinto dallo spagnolo della Yamaha

Settima vittoria in top class per Maverick Viñales, la seconda in stagione per lo spagnolo della Yamaha, che vince in Malesia e interrompe il dominio di cinque successi consecutivi di Marc Marquez. Una vittoria voluta e conquistata con sudore per lo spagnolo, scappato in testa fin dai primi giri, per tagliare poi in solitaria il traguardo davanti al campione del mondo. Felice e soddisfatto nel parco chiuso Viñales: “è stata una gara incredibile, l’abbiamo preparata benissimo nel corso del fine settimana. Sapevo che avevamo un ottimo potenziale, dopo il primo giro ho preso il comando e ho cominciato a spingere. Peccato per l’Australia perché anche lì ero veloce, ma sono felice di aver vinto qui. Voglio dedicare questa vittoria a Munandar, era il mio preferito in quella categoria e faccio le condoglianze alla sua famiglia”.

Soddisfatto anche Marquez: “sono soddisfatto, è stata una gara incredibile. Nel primo giro sono stato bravo, così come Dovi. Nei primi tre giri le gomme le ho consumate, Vinales era più veloce di noi. Dovevamo cercare di stargli vicini, ma poi si è allontanato. Ho fatto un piccolo errore, mi sono allontanato. Sono soddisfatto per la gara, ma sono felice per la vittoria di mio fratello. Lui è Alex Marquez, non è fratello di… Ha vinto due titoli, dunque è fantastico. Al tempo stesso, non possiamo dimenticare Munandar. Il mondo delle corse è così purtroppo, un abbraccio alla famiglia“.

Non si lamenta infine Dovizioso: “direi che abbiamo fatto tutto il possibile, il passo era buono. Qui l’aderenza è molto diversa rispetto alle libere, sapevo che con una buona partenza avremmo avuto possibilità. Mi aspettavo qualcosa di più in termini di velocità, però l’aderenza era davvero molto limitata. Più veloci di così non saremmo potuti andare, è importante comunque essere sul podio e sono molto felice. E’ difficile la Malesia per noi, lo è sempre stata sull’asciutto e dunque devo ringraziare la squadra“.