marc marquez
AFP/LaPresse

Il campione del mondo commenta il secondo posto ottenuto in Malesia, ammettendo la superiorità di Viñales sul circuito malese

Diciassette podi in diciotto Gran Premi stagionali, Marc Marquez continua a macinare record su record in questo Mondiale di MotoGp, arrivando alla spaventosa cifra di 395 punti.

marc marquez
AFP/LaPresse

La vittoria in Malesia sfugge allo spagnolo per via della grande prestazione di Maverick Viñales, davvero troppo forte oggi come ammesso dallo stesso Marquez ai microfoni di Sky Sport MotoGp: “è stata una gara dura, sapevo che tutto si sarebbe deciso al primo giro. Mi sono divertito molto lottando con Dovizioso, entrambi eravamo a manetta. Purtroppo ho perso tempo dietro a Miller, e lì Vinales ha preso qualche metro e abbiamo fatto un po’ di fatica. Jack è tosto, è molto forte e con lui abbiamo perso un po’ di tempo. Oggi la velocità non era quella giusta, dunque non avremmo potuto lottare per la vittoria. L’unica chance di vittoria era stare con lui fin dall’inizio, ma non dobbiamo dimenticarci che siamo partiti dalla undicesima posizione. Le Yamaha andavano forte fin dalle libere e in generale stanno andando forte in questa seconda parte di stagione. Noi dovremo lavorare perché il prossimo anno sarà dura. A Valencia l’obiettivo è finire a podio, speriamo di vincere il titolo team ma non sarà facile“.

alex marquez
AFP/LaPresse

Non manca poi un pensiero per il povero Munandar, pilota scomparso nella Asia Talent Cup: “lo conoscevo e mi dispiace. Ma tutti qui sappiamo il rischio che corriamo. Il rischio c’è e lo prendiamo perché vogliamo vincere. Tutto il mondo delle corse ha gareggiato per lui”. E sulla vittoria del titolo in Moto2 del fratello Alex: “ieri avevo dolore per la caduta, stamane un po’ meno. Ma dopo la gara di mio fratello ero distrutto fisicamente. E’ stato un weekend emozionante e questa è la notizia più bella di oggi“.