AFP/LaPresse

Andrea Dovizioso esprime le sue sensazioni in vista della gara di domani e commenta la ‘marcatura’ di Marc Marquez su Fabio Quartararo in qualifica

Ultime gare del Motomondiale da correre al meglio possibile per Andrea Dovizioso che, già sicuro della seconda posizione, prova a trarre il massimo dalla sua Ducati che continua ad avere qualche problema con il grip.

Costanza Benvenuti – LaPresse

Dopo il 10° posto ottenuto nelle qualifiche di Sepang, il pilota di Forlì si è espresso così in vista della gara: “facciamo un pochettino più fatica per la direzione che abbiamo dovuto prendere nel corso della stagione, che ci crea delle difficoltà quando devi essere aggressivo e sfruttare un buon grip. In qualifica non riuscivo a stare al limite e quindi non sono riuscito a chiudere un giro. Gara? Dipende da quanto riuscirò a recuperare nei primi giri. Essere quarto o quinto dopo il primo giro sarebbe oro, però è interessante. Ho Marquez al mio fianco e vediamo che temperatura troveremo, se sarà nuvoloso o se sarà caldo come ieri. Il feeling come passo non è stato male, però sappiamo che in gara è diverso, soprattutto quando sei in gruppo. In ottica gara abbiamo lavorato bene, quindi abbiamo qualche chance di fare bene rispetto all’anno scorso. In questo momento Quartararo e Maverick hanno qualcosina in più, ma anche Valentino secondo me è messo molto bene, oltre che Morbidelli. Franco però a volte in gara cala, quindi bisognerà vedere se gli succederà ancora o se sarà competitivo come nel resto del weekend“.

Alessandro La Rocca – LaPresse

Dovizioso si è poi espresso sulla ‘marcatura’ stretta che Marc Marquez (già campione, ricordiamolo) ha applicato in qualifica a Fabio Quartararo e che ha portato alla caduta del pilota spagnolo: “sicuramente è una persona che non si accontenta. Dopo tutto quello che ha vinto quest’anno, oggi non era abbastanza competitivo e si è messo a cercare le scie. Vuol dire che non si accontenta mai e cerca sempre un modo per fare meglio le cose. Da questo punto di vista, chapeau. La marcatura è stata molto aggressiva. Io non l’avrei fatta, ma ognuno fa quello che vuole“.