crutchlow
AFP/LaPresse

Crutchlow duro e sincero come sempre: duro sfogo del pilota britannico contro la Honda

E’ terminata ieri la prima sessione di test invernali del 2020 di MotoGp: i piloti della categoria regina sono scesi in pista a Valencia per due importanti giornate di lavoro, durante le quali hanno provato le novità portate in terra spagnola dai team.

crutchlow
AFP/LaPresse

Negli ultimi giorni gran parte dell’attenzione si è focalizzata su Alex Marquez, nuovo compagno di squadra di Marc in Honda. Il giovane spagnolo ha fatto il suo esordio su una MotoGp col team LCR e non è mancata qualche critica. Cal Crutchlow, se infatti da una parte ha dichiarato di essere felice di essere rimasto di LCR e di non essere stato ingaggiato dal team ufficiale, dall’altra non ha apprezzato alcune scelte del team.

crutchlow
AFP/LaPresse

La cosa ironica è che non so cosa sta cambiando in vista del 2020, ma qualcosa cambierà. Honda mi ha tolto alcune persone dal box e, dal mio punto di vista, sono l’unica persona in grado di andare sul podio oltre a Marc, per quanto riguarda Honda. E’ stato così quest’anno, lo è stato l’anno scorso e probabilmente sarà così anche nel 2020. Spero che Nakagami riesca a fare un passo avanti e penso lo farà, ma il pilota più vicino a Marquez sono io, dunque di sicuro questo aspetto dovrebbe rendermi più forte e considerato, non più debole. Honda ha preso dei ragazzi dal mio team lo scorso anno e per me è stato deludente. Ne hanno preso da affiancare ad Alex Marquez, ma non penso che per lui possano fare una grande differenza. Avrebbero fatto una gran differenza per me, non per lui. Alex sta imparando. Ma questa è la situazione e la devo accettare“, ha dichiarato il britannico.

crutchlow
AFP/LaPresse

Non è mancata poi una critica anche alla nuova moto: “dobbiamo essere positivi con la moto che Honda ci ha dato e per i passi avanti che sono stati fatti, ma se devo dire che la moto sia diventata più facile da guidare, no, non lo è. Dobbiamo migliorare ancora nel corso dell’inverno. La moto non è meno fisica di quella 2019, ma dobbiamo ancora lavorare sugli assetti. La nostra è una moto su cui si può giocare molto su questo aspetto, mentre le altre credo abbiano finestre d’utilizzo molto più piccole. Con la moto 2020 ho un feeling leggermente migliore con l’anteriore. Il motore nuovo è meglio in alcune aree, è peggio in altre. Ma penso che potremo migliorare dal punto di vista dell’elettronica“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE