simone inzaghi
Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

La sincerità di Simone Inzaghi dopo il ko di oggi in Europa League della Lazio contro il Celtic

La Lazio si trova adesso ad un passo dall’eliminazione dall’Europa League: la sconfitta di questa sera, contro il Celtic, lascia l’amaro in bocca a tutti i tigosi biancocelesti. Un ko che pesa molto e che non può lasciare soddisfatto Simone Inzaghi: “l’episodio del mancato rigore pesa, era clamoroso. Ci avrebbe ovviamente permesso di andare in vantaggio. La squadra per spirito mi è piaciuta, ma dovevamo fare il secondo gol ed essere più cattivi. Andiamo a casa con 0 punti e forse anche dall’Europa. C’è da fare mea culpa perché in queste due partite perse con il Celtic ci abbiamo messo del nostro. Ho poco da dire ai ragazzi, che hanno dato il massimo. Alcuni come Caicedo e Leiva hanno stretto i denti giocando in condizioni non ottimali, c’era Cataldi squalificato e Correa indisponibile anche per la panchina. Ho dovuto forzare su un paio di giocatori, eravamo contati. Credo però che abbiamo fatto una buona gara. C’è grande rammarico, il girone era difficile ma alla nostra portata”, queste le parole dell’allenatore della Lazio ai microfoni Sky.