Juventus, Sarri non si fida del Milan: “nella partita secca possono fare bene. Dubbio Cristiano Ronaldo”

Sarri AFP/LaPresse

Maurizio Sarri tiene alta la concentrazione in vista della gara contro il Milan: l’allenatore della Juventus tiene alta la concentrazione e non dà certezze sul recupero di Cristiano Ronaldo

Juventus-Milan è una delle grendi classiche del calcio italiano ma il big match della domenica sera non avrà lo stesso ‘sapore’ di sempre. Il motivo è da ricercare nel differente momento di forma delle due squadre che vede la Juventus al top della Serie A, come ogni anno da diverso tempo a questa parte, mentre il Milan arranca a metà classifica con problemi di gioco e risultati.

Eppure in conferenza stampa Maurizio Sarri non si fida dei rossoneri e tiene alta la concentrazione: “il Milan non ha fatto un buon inizio di stagione, ma nella singola partita può fare bene. Per questo noi dobbiamo giocare con un’intensità difensiva diversa, e per poterla avere dobbiamo stare in campo in maniera differente. Il Milan si sta ricostruendo e ha tutte le difficoltà del momento. È una buona squadra fatta di tanti giovani, ha una buona base, non so quanto tempo ci vorrà per tornare in alto“.

In merito ai dubbi di formazione Sarri conferma Bonucci ma valuterà fino all’ultimo Cristiano Ronaldo e De Ligt: “Cristiano Ronaldo ancora non so se giocherà. So per certo che non ha niente di grave, solo un piccolo dolore al ginocchio che gli toglie equilibrio negli appoggi. Decideremo domani mattina. De Ligt? Abbiamo due allenamenti, ieri ha fatto qualcosa, oggi proverà con la squadra, vedremo la reazione. Bonucci? Se avessi pensato che la squadra potesse fare a meno di Bonucci lo avrei fatto rifiatare. Per esperienza personalità e organizzazione difensiva abbiamo bisogno di lui, quindi gli viene chiesto un sacrificio enorme. In questa prima fase della stagione è stato determinante, spero prima o poi di poterlo far riposare. Higuain? Gonzalo ha bisogno di forti motivazioni per rendere al meglio. Lo dice la sua storia. Ora sta bene fisicamente e mentalmente, può fare di più nell’attacco dell’area e della porta e in fase realizzativa”.

Infine la chiusura è sull’ammutinamento in casa Napoli e sui presunti problemi dell’Inter: “non ho la presunzione di capire a 800 km di distanza, sono problemi loro e comunque mister e direttore sportivo sono personaggi di rilievo che sapranno come risolverla. Non è detto che i problemi siano un evento negativo, a volte aiutano a cementare il gruppo. Inter? Dire che l’Inter ha problemi mi sembra un po’ eccessivo, visto ha fatto 28 punti in 11 partite”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (17961 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery