Cristiano Ronaldo
Fabio Ferrari/LaPresse

Cristiano Ronaldo reagisce con rabbia dopo la sostituzione in Juventus-Milan e lascia lo stadio in anticipo: Sarri parla di possibile infortunio, ma il portoghese si aggrega alla Nazionale

Due sostituzioni nelle ultime due partite, con il risultato ancora da acquisire. Si fa fatica a ricordare l’ultima volta che una squadra ha rinunciato in due occasioni a Cristiano Ronaldo per povare a risolvere due gare complicate, per giunta riuscendoci. Il portoghese questa volta non l’ha presa bene: reazione stizzita dopo il cambio, qualche parola di troppo verso la panchina e via, dritto nello spogliatoio. CR7 ha anche lasciato lo Stadium in anticipo per volare in Portogallo ed aggregarsi alla sua nazionale.

È chiaro che la sua condizione fisica non è al top: Maurizio Sarri ha provato a fare chiarezza parlando di un problema al ginocchio, ma i tifosi bianconeri non si spiegano il motivo della sua risposta affermativa alla convocazione in Nazionale. Un po’ di riposo farebbe bene all’ex Real Madrid, ma il dovere chiama. Il Portogallo è secondo nel suo girone e dovrà affrontare Lituania e Lussemburgo, partite non di certo impossibili da vincere anche senza CR7, ma importanti per passare come seconda in un girone che vede l’Ucraina sicura della qualificazione e la Serbia pronta a mettere i bastoni fra le ruote ai lusitani. Un Cristiano Ronaldo a mezzo servizio fa sempre comodo, per chiarire con la Juventus ci sarà tempo…