Rahm raggiunge Lorenzo-Vera in vetta nel torneo di Dubai. Con questa classifica lo spagnolo diventerebbe numero uno in Europa, ma è in corsa anche Fleetwood

Nel DP World Tour Championship, ottavo e ultimo evento delle Rolex Series, che chiude anche la stagione dell’European Tour sul percorso del Jumeirah Golf Estates (par 72), a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, Mike Lorenzo-Vera (201 – 63 69 69, -15) è stato raggiunto al vertice da Jon Rahm (201 – 66 69 66), il quale ha decisamente attaccato con un 66 (-6) così come Rory McIlroy, terzo con 203 (-13), autore di un 65 (-7). Ha effettuato un bel giro in 68 (-4) colpi Guido Migliozzi, da 20° a 11° con 211 (73 70 68, -5), mentre sono rimasti nelle loro posizioni Francesco Molinari, 32° con 216 (69 76 71, par), e Andrea Pavan, 48° con 222 (77 74 71, +6).

Nella corsa alla Race To Dubai (ordine di merito), che designa il numero uno in Europa, con questa classifica prevarrebbe Jon Rahm (n. 3 del ranking), perché Bernd Wiesberger, numero uno, è scivolato al 24° posto con 214 (-2) dopo un 73 (+1) e peraltro non appare più in grado di porre rimedio alla possibilità che prevalga lo spagnolo o anche Tommy Fleetwood (n. 2), che pur avendo avuto una leggera flessione scendendo dal secondo al quarto posto (205, -11) ha intatte possibilità di impossessarsi di entrambi i titoli, della gara e della Race. In rimonta anche Matthew Fitzpatrick (n. 5), nono con 210 (-6) e Shane Lowry (n. 4), stesso score di Migliozzi, ossia gli altri due nel quintetto che può aspirare alla leadership continentale, ma sembra piuttosto improbabile un loro recupero.

Per il successo nel torneo possono competere anche Thomas Pieters, quinto con 206 (-10), e Marcus Kinhult, sesto con 207 (-9), e la matematica non esclude, anche se un po’ lontani Danny Willett e Christiaan Bezuidenhout, settimi con 208 (-8). Out Justin Rose, 16° con 212 (-4).

L’ultima buca è stata fatale a Lorenzo Vera. Infatti il suo unico bogey di giornata (69, -3, insieme a quattro birdie), si è combinato con il settimo birdie di Rahm (contro un bogey) ed è stato aggancio. McIlroy ha realizzato il miglior punteggio di giornata con un eagle, cinque birdie e nessun bogey.

Guido Migliozzi, in competizione per il “Rookie of The Year Award”, ha segnato sei birdie e un doppio bogey e ora è davanti agli altri tre candidati al riconoscimento: Adri Arnaus, che affianca Rose, Robert MacIntyre, 20° con 213 (-3), e Kurt Kitayama, precipitato al 49° posto con 223 (+7). La prestazione nel torneo non sarà decisiva nelle valutazioni, ma potrebbe dare un contributo. Per Francesco Molinari 71 (-1) colpi con due birdie e un bogey e per Andrea Pavan identico score con quattro birdie e tre bogey. Il montepremi è di otto milioni di dollari, il più cospicuo del circuito, con una prima moneta di tre milioni di dollari, la più alta in assoluto per l’European Tour.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE