wolff
Photo4/LaPresse

Wolff salta il Gp del Brasile: il team principal Mercedes non sarà al muretto ad Interlagos

Domenica si corre in Brasile il penultimo appuntamento della stagione 2019 di Formula 1. La Mercedes ha già festeggiato la vittoria del titolo Costruttori e del titolo piloti, con Hamilton campione del mondo grazie al secondo posto negli Stati Uniti.

Il Team di Brackley non ha però intenzione di cullarsi sugli allori e nelle ultime due gare vuole sicuramente tentare di chiudere in bellezza. In Brasile, però, la Mercedes dovrà fare a meno di una pedina fondamentale, Toto Wolff salterà l’appuntamento di Interlagos. Il team principal Mercedes non mancava ad un Gp dal 2013, ma le intezioni del team sono comunque quelle di ottenere il miglior risultato possibile in gara.

photo4/Lapresse

“La scorsa settimana abbiamo avuto la possibilità di celebrare il Mondiale con tutti a Brixworth e Brackley. E’ sempre un momento speciale e quest’anno lo è stato particolarmente per la nostra sesta doppietta consecutiva. Ma nonostante questo risultato da record, sento ancora molta fame e desidero ottenere più risultati. Non c’è alcun sentimento di appagamento tutti sono decisi sul migliorare sempre. Abbiamo due gare ancora prima della fine del campionato e vogliamo chiudere davanti. Il Brasile evoca bei ricordi, come l’anno scorso, quando ci laureammo campioni costruttori. Dalla ripresa dopo l’estate non siamo più i migliori in qualifica, ma ad Austin siamo tornati in pole, quindi lotteremo per stare davanti già al sabato“, ha dichiarato Toto Wolff in una nota pubblicata sul sito ufficiale Mercedes.

wolff
Photo4/LaPresse

Abbiamo due gare da disputare nella stagione 2019 e vogliamo concludere questa stagione al massimo. La tappa successiva ci porta in Brasile, che riporta alla mente ricordi affascinanti dello scorso anno, quando non solo siamo stati in grado di vincere la gara, ma anche di garantire il Campionato costruttori a Interlagos. È una pista molto breve che rende le qualifiche particolarmente impegnative in quanto i margini sono molto piccoli. Di solito non abbiamo avuto l’auto più veloce il sabato dopo le vacanze estive, ma siamo riusciti a prendere la pole ad Austin e proveremo a lottare per una partenza in prima fila a San Paolo. Il Brasile sarà anche la prima gara dal 2013 a cui non parteciperò. Con entrambi i campionati garantiti, mi dà più tempo in Europa per concentrarmi su altre questioni importanti. È fantastico poterlo fare e sapere che la squadra rappresenterà la stella a tre punte nel miglior modo possibile sia dentro che fuori pista“, ha concluso.