leclerc
photo4/Lapresse

Il pilota della Ferrari ha parlato in conferenza stampa ad Abu Dhabi, tornando ad analizzare quanto accaduto con Vettel in Brasile

Ultimo Gran Premio dell’anno, ad Abu Dhabi cala il sipario sul Mondiale 2019, dominato in lungo e in largo dalla Mercedes e da Lewis Hamilton. Stagione tutto sommato positiva per Charles Leclerc, riuscito a ottenere tre vittorie e sette pole position, che non gli hanno permesso tuttavia di lottare per il titolo.

Vettel e Leclerc
Photo4/LaPresse

Intervenuto in conferenza stampa a Yas Marina, il monegasco ha fatto un punto sulla sua stagione, iniziando dall’incidente con Vettel in Brasile: “abbiamo guardato le immagini per capire cosa avremmo dovuto fare, credo che sia stato un incidente sfortunato, il tocco è stato lieve ma le conseguenze drammatiche. Con Seb dovremmo cercare di essere meno aggressivi, per evitare che quella situazione possa riaccadere. Sono stato a Maranello per lavorare al simulatore e, in quell’occasione, abbiamo parlato un po’ con Binotto e con Vettel, siamo sicuri che non succederà più. Possiamo gareggiare uno contro l’altro, vogliamo entrambi vincere e gareggiamo per lo stesso team. Dovremmo solo concederci più spazio per evitare ulteriori incidenti, ma Mattia lo spiegherà bene. Si è trattato di un episodio sfortunato, che faremo in modo che non si ripeta. Ci siamo chiamati con Seb, abbiamo spiegato le nostre posizioni. Lui non avrebbe dovuto spostarsi sulla sinistra e io avrei dovuto evitarlo, potevamo far meglio entrambi. Adesso però guardiamo avanti.

leclerc
LaPresse

Leclerc ha poi analizzato la stagione che sta per concludersi: “per quanto riguarda la stagione nel complesso, posso dire che è stata alquanto bizzarra, non abbiamo cominciato bene dopo i test invernali. I progressi sono stati positivi, Austin è stata una gara strana ma poi in Brasile siamo tornati al nostro livello, anche se la considero la mia peggior gara della stagione. Adesso voglio proseguire di slancio per arrivare bene al 2020, è la prima volta che rimango nella stessa squadra per due anni consecutivi, spero che questo mi aiuti. Stiamo lavorando bene sulla macchina attuale, sono fiducioso che quella dell’anno prossimo ci aiuterà a lottare per la parte alta della classifica. Il titolo mondiale? Ogni obiettivo è raggiungibile con il lavoro, ma non dipende solo da te stesso, serve anche un pizzico di fortuna nel corso della tua carriera”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE