Steiner
photo4/Lapresse

Il team principal della Haas ha parlato del futuro della scuderia, soffermandosi anche sul rapporto con la Ferrari

La stagione non è andata certamente come tutti si aspettavano, il Team Haas ha pagato il mancato sviluppo aerodinamico della vettura, finendo per lottare per l’ottavo posto con l’Alfa Romeo Racing.

Steiner
Photo4/LaPresse

Una situazione difficile che Gunther Steiner ha intenzione di migliorare già nel 2020, per poi provare a compiere il salto di qualità nel 2021, quando cambieranno i regolamenti. “quello che è accaduto è semplice, gli sviluppi non hanno funzionato. Tanto che qui, alla penultima gara dell’anno, usiamo la stessa specifica di inizio stagione a Melbourne le sue parole alla Gazzetta dello Sport. “Abbiamo battuto strade nuove, non hanno funzionato e siamo tornati ai vecchi metodi di lavoro, ma serve tempo. Nessuno ha ancora firmato il nuovo accordo commerciale per il 2021, ma l’intenzione al momento è di rimanere“. Il team principal della Haas ha poi proseguito: “senza il budget cap non ci sarebbe mai stata la possibilità di acchiappare i primi tre team. E uno può pensare: ‘Allora smetto’. Inoltre il nuovo patto commerciale sarà più vantaggioso. Per quanto riguarda il motore Ferrari, abbiamo altri 2 anni di contratto e un ottimo rapporto. Verstappen contro il Cavallino? Bisogna fare attenzione se non si ha in mano qualcosa per dimostrare le proprie affermazioni. Queste voci girano da dopo le ferie, ma le prove non ci sono. Vettel per il titolo nel 2020? Vedo meglio Leclerc, lui è la stella nascente“.