Italia-Armenia
Alfredo Falcone/LaPresse

Vittoria esagerata dell’Italia nell’ultimo match del Gruppo J di Qualificazione ad Euro 2020, gli azzurri rifilano nove reti all’Armenia al Barbera

Un’Italia pazzesca, una Nazionale bella e sbarazzina che continua a far sognare i tifosi italiani. La selezione di Mancini chiude con dieci vittorie su dieci partite il proprio girone di qualificazione ad Euro 2020, allungando a undici il filotto di successi consecutivi.

Italia-Armenia
Alfredo Falcone/LaPresse

Immobile e compagni metto in punto esclamativo al Barbera, asfaltando sotto nove reti la malcapitata Armenia, un risultato esagerato che non rappresenta però la vittoria più larga della storia azzurra. Furono infatti 11 i gol realizzati contro l’Egitto nel 1929, mentre terminò 9-0 la sfida con gli Stati Uniti nel 1948. Settant’anni dopo, l’Italia torna a dilagare grazie ad un gioco davvero spumeggiante, esaltato da interpreti che fanno stare tranquillo il ct Mancini in vista degli Europei del 2020. Doppiette per Ciro Immobile e Nicolò Zaniolo, a cui si aggiungono i gol di Barella, Orsolini, Romagnoli e Chiesa. Un record per l’Italia, che per la prima volta nella sua storia manda in rete ben 7 giocatori differenti nel corso dello stesso match, arrampicandosi alla straordinaria cifra di 37 gol nel girone, che vale agli azzurri il miglior attacco delle Qualificazioni.

Italia-Armenia
Alfredo Falcone/LaPresse

Numeri impressionanti per la squadra di Mancini, granitica anche in fase difensiva, avendo subito solo quattro gol in dieci partite. Nessun punto debole, tanto entusiasmo e una infinita voglia di scrivere pagine importanti nella storia azzurra: l’Italia sogna in grande in vista della prossima rassegna continentale. Guai però ad esaltarsi troppo, il ruolo di favorita potrebbe giocare un brutto scherzetto a Immobile e compagni, che dovranno essere bravi a scrollarsi di dosso le aspettative per giocarsi un grande Europeo.

 

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE