binaghi

Angelo Binaghi dice la sua sul nuovo format di Coppa Davis: le parole sincere del presidente della Federtennis

E’ terminata ieri sera, con la vittoria della Spagna, l’edizione 2019 di Coppa Davis. Nonostante le tante polemiche sul nuovo format, il torneo a squadre ha riscosso tanto successo, ma c’è chi trova tanti buchi nell’acqua. Stiamo parlando di Angelo Binaghi, che ha detto la sua sulla nuova competizione: “alcune cose, come ad esempio gli orari, le aggiusteranno, ma altre non vanno. Fare le teste di serie dei gironi tanto tempo prima ci ha svantaggiato: in primavera non avevamo Fognini vincitore a Montecarlo e Berrettini numero 8 del mondp. In uno sport individuale, è sempre difficile trovare un modello perfetto e un format di successo per la gara a squadre. La federazione internazionale ha però ereditato una Davis moribonda, alla quale stavano per rescindere il contratto tutti i più grandi sponsor degli ultimi dieci anni, e qualcosa si doveva fare. Nei primi anni delle rivoluzioni ci sono più problemi delle cose positive. Peraltro riscontro che i telespettatori gradiscono, le audience sono alte. Portare la nuova Davis in Italia? Ci volete ammazzare? Abbiamo già gli Internazionali, le Next Gen Finals, le Atp Finals a Torino dal 2021 al 2025. Ce n’è abbastanza…“, ha affermato il presidente della Federtennis a La Politica nel pallone su Gr Parlamento.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE