Alberto Gandolfo/LaPresse

Tanti risultati a sorpresa nella notte NBA, capace di regalare emozioni e spettacolo nelle undici partite disputate

Non poteva mancare lo spettacolo in questa seconda notte NBA, caratterizzata da ben undici partite piene di pathos e di emozioni. Vincono e convincono gli Spurs di Marco Belinelli, che si impongono 120-111 contro i New York Knicks, a cui non bastano i 51 punti messi a referto dalla coppia Morris-Randle.

Kyrie Irving
Credits: Instagram @Kyrieirving

Per il giocatore italiano solo tre i punti segnati, con un rimbalzo e un assist in diciotto minuti. Vittoria di misura per Charlotte al cospetto dei Chicago Bulls, che si arrendono 126-125 al termine di un match davvero tirato. Successo esterno invece per i Detroit Pistons che, grazie alla super prestazione di Drummond, sbancano il parquet di indiana. Ben 23 rimbalzi e 32 punti per l’americano, autentico protagonista della partita. Sorridono anche i Magic che, davanti al proprio pubblico, non lasciano scampo ai Cleveland Cavaliers, costretti ad arrendersi con il risultato di 94-85. Servono i supplementari ai Minnesota Timberwolves per avere ragione in trasferta dei Nets, a cui non bastano i mostruosi cinquanta punti di Irving. Towns il migliore degli ospiti, con 14 rimbalzi e 36 punti messi a referto.

Doncic
LaPresse / AFP PHOTO / Andrej ISAKOVIC

Vittoria semplice per Miami contro Memphis, così come quella di Philadelphia al cospetto di Boston. Ben Simmons ne mette a segno 24, mentre agli ospiti non bastano i 25 di Hayward. Basta un super Doncic a Dallas per stendere Washington, costretta ad arrendersi 108-100. Sono 34 i punti dello sloveno, conditi anche da nove rimbalzi e 3 assist. Donovan Mitchell trascina Utah al successo contro Oklahoma, mentre non bastano i 28 di Hield ad evitare la sconfitta a Sacramento sul parquet di Phoenix. Chiude il quadro della serata il ko casalingo di Portland, stesa a domicilio da Denver con il risultato di 100-108

Il quadro delle partite disputate:

nba