/

Non solo in campo, la rissa fra Embiid e Towns prosegue anche sui social: il commento del centro dei Sixers è devastante e KAT lo cancella

La notte NBA è stata alquanto movimentata. A fare notizia è stata la clamorosa rissa che ha visto coinvolti Karl-Anthony Towns e Joel Embiid nel terzo quarto di Sixers-Timberwolves. I due sono venuti alle mani, salvo poi essere separati da compagni e staff presente a bordo campo, prima di una doppia espulsione.

La rissa è comunque continuata sui social. Embiid non ha perso tempo scrivendo: “grande vittoria di squadra!!! Sono cresciuto fra i leoni e questa notte mi ha attaccato un gatto (KAT, acronimo del nome Karl-Anthony Towns, ndr). Lmao @Jimmy Butler (taggato per i suoi trascorsi problematici con Towns, ndr). Ho visto sua mamma fare il dito medio. Questo è un serio comunicato“.

Karl-Anthony Towns ha risposto: “non sapevo ci fossero delle troie cresciute fra i leoni“, postando una foto di Embiid in lacrime dopo una sconfitta negli scorsi Playoff.

Il commento di Embiid è stato devastante: “immagina di parlare dopo una sconfitta di 20 punti. Lo odieresti. Continua ad usare quella mia foto in ci mi preoccupo di aver perso nel secondo turno dei Playoff. Oh aspetta, tu non ci sei mai stato al secondo turno dei Playoff. Non sai cosa vuol dire. No. Il ragazzo ha vinto 3 partite e parla, ma so che stai parlando del nulla. Sei stato una fighetta per tutta la vita. È per questo che sei stato trattato come una troia da chi sai tu. Non voglio far venire fuori i tuoi affari ma so la verità su di te. Non fraintendermi: ti ho in pugno“. Commento poi ‘scomparso’ dal post di Towns, come sottolineato da Embiid in una storia Instagram.