Olimpiadi 2020 – Tokyo, niente maratona: troppi 40 gradi, si corre a Sapporo. E scoppia la polemica

AFP/LaPresse

Il CIO ha deciso di spostare la maratona di Tokyo 2020 nella città di Sapporo, a causa dei 40° gradi estivi di Tokyo: la governatrice dell’area di Tokyo non la prende bene

Il Comitato olimpico internazionale ha deciso di spostare la maratona (e la marcia) delle Olimpiadi di Tokyo 2020 a Sapporo, nell’isola di Hokkaido, per motivi climatici. In effetti, i 40° con l’85% di umidità che Tokyo raggiunge in estate sono condizioni alquanto proibitive per correre, ma la decisione ha destato importanti polemiche. Yuriko Koike, governatrice dell’area di Tokyo, ha sottolineato come: “gli abitanti di Tokyo aspettavano con impazienza questo evento e ci si stavano preparando. Mi auguro di poterne discutere per capire cosa sia più conveniente“.

Da Doha, il presidente del comitato coordinatore del Cio, John Coates, ha provato a buttare acqua sul fuoco parlando alla stampa giapponese: “capisco bene che la decisione abbia sorpreso Tokyo 2020, ma il problema è che non si possono lasciare sospese informazioni del genere: bisogna agire rapidamente, non vogliamo che ci siano congetture, indiscrezioni e quant’altro, abbiamo preferito dire chiaramente quale fosse il nostro progetto. Vogliamo che gli atleti diano il meglio di loro, e sappiamo che questo non è possibile a Tokyo“. Sorpresa, ma di segno opposto, anche per il sindaco di Sapporo, Katsuhiro Akimoto. “Sono rimasto molto sorpreso che il Cio abbia citato Sapporo in particolare, ma allo stesso tempo mi sento molto onorato“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (17808 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery