Zarco
AFP/LaPresse

Il pilota francese ha commentato la sua prima gara con la Honda, rivelando anche un curioso retroscena che coinvolge Alberto Puig

La prima gara di Johann Zarco in sella alla Honda LCR non è stata affatto negativa, il francese ha chiuso tredicesimo il Gran Premio di Phillip Island, con un gap di 26 secondi da Marc Marquez.

Zarco
AFP/LaPresse

L’ex KTM però non è stato il peggior pilota della Casa giapponese, considerando l’ultimo posto di Jorge Lorenzo, ormai prigioniero di se stesso. Zarco ha provato a svelare le sue sensazioni dopo il week-end australiano, svelando alcuni curiosi retroscena: “è incredibile come fossi a lottare con Pol Espargaro, l’unica KTM rimasta, dopo pochi giri dall’inizio della mia prima gara con la Honda. Abbiamo riso alla fine della gara, perché forse pensava che potessi essere più veloce con la Honda, ma poi mi ha detto: ‘no, rimani dietro almeno un’altra gara. La Honda mi ha detto di non farmi illusioni e di divertirmi, ho anche sondato alcuni team di Moto2. Il primo giorno mi sono scusato con Alberto Puig, perché c’erano due Honda davanti e io ero indietro. Mi ha detto di non preoccuparmi e che in Malesia le cose saranno diverse. Mi è stato detto che il motore di Nakagami non è il più potente, ma per questo fine settimana lo è stato abbastanza. Ho avuto un buon feeling dall’inizio alla fine, perdevo qualcosa solo in accelerazione“.