valentino rossi
Alessandro La Rocca/LaPresse

Il Dottore ha parlato del suo futuro a Phillip Island, sottolineando di aver già deciso con quale squadra chiudere la propria carriera

Il Gran Premio d’Australia sarà il numero 400 per Valentino Rossi in carriera, un traguardo prestigioso che il pesarese taglierà sulla iconica pista di Phillip Island.

valentino rossi
AFP/LaPresse

Un numero davvero impressionante, che non può non spingere il Dottore ad interrogarsi sul proprio futuro, considerando come il suo contratto scada alla fine della prossima stagione. Stuzzicato su questo argomento, Rossi ha ammesso: “è un po’ un problema decidere cosa fare nel 2021, perché l’anno prossimo il mercato si muoverà molto presto, forse troppo presto. E’ veramente difficile fare delle mosse pensando al 2021 all’inizio del 2020. Il fatto che si ragioni sempre di due anni in due anni non è neanche male, il problema è che uno dovrebbe aver modo di vedere come vanno le cose almeno le prime sei o sette gare. E’ molto difficile capire chi va forte in MotoGP o chi è pronto per il salto dalla Moto2. Ormai però è così anche negli altri sport come la Formula 1, che a livello di professionalità è un paio di step più in alto rispetto a noi. Cambiare team? Non credo, penso che finirò la mia carriera con la Yamaha“.

luca marini
AFP/LaPresse

Rimanere in MotoGp potrebbe permettergli di sfidare il fratello Luca Marini: “sarebbe molto bello, perché sarebbe una sorpresa. L’importante è che Luca continui così sia nel finale di quest’anno che nella prossima stagione. Perché se continua così, può trovare una moto molto buona per la MotoGP 2021. Se ci sarò ancora anche io, sarà veramente figo“.