marc marquez
AFP/LaPresse

Il pilota spagnolo ha espresso la propria gioia per la vittoria dell’ottavo titolo, sottolineando come difficilmente arriverà ai quindici di Agostini

Palla otto in buca, Marc Marquez festeggia con il biliardo la vittoria dell’ottavo titolo mondiale in carriera. Lo spagnolo vince il Gp della Thailandia e si laurea campione, lasciando solo le briciole ai propri avversari grazie ai nove successi in stagione.

Marquez
AFP/LaPresse

Un trionfo per il rider della Honda, che non vuole però spingersi troppo oltre, allontanando l’idea di arrivare ai quindici di Agostini: “sono contento perchè quando hai quel vantaggio in campionato, cerchi una motivazione extra. Volevo vincere la gara e ce l’abbiamo fatta” le parole di Marquez ai microfoni di Sky Sport MotoGp. “Quartararo è stato strepitoso, ci ha provato all’ultima curva ma è andata bene. Ringrazio tutta la mia gente, è fondamentale per le mie vittorie. Fabio sarà uno degli avversari per il prossimo anno, sarà ancora più competitivo perchè guida la Yamaha in maniera eccellente. Qui abbiamo usato il nostro motore sia nel primo che nel secondo rettilineo, ci ha aiutato molto per poter vincere. Quindici Mondiali? Non sono Superman, non credo di arrivarci. Mi godo l’ottavo, ogni anno è diverso e il prossimo anno l’obiettivo sarà lo stesso. Speriamo di riuscirci. Gli avversari mi motivano a migliorare, ma il mio team mi dà l’aiuto migliore. E’ difficile per un pilota tenere sempre la stessa mentalità, la gente che sta accanto a me è fondamentale per crescere. A loro dedico questa vittoria, a tutte le persone che mi aiutano per essere così“.