marc marquez
AFP/LaPresse

Marc Marquez fa il modesto: le parole dello spagnolo della Honda dopo la vittoria in Giappone

Marc Marquez inarrestabile: lo spagnolo della Honda ha conquistato l’ennesima vittoria in Giappone, regalando alla Honda il titolo Costruttori davanti al pubblico di casa. Anche se Marquez ha preso presto il largo in gara, per lo spagnolo non si è trattato di una vittoria facile a causa di problemi con la benzina: “mancava un giro e mezzo ed è arrivato l’allarme della benzina, ho detto dai, spingiamo non spingiamo, ho fatto un giro molto pulito, senza sbagliare, lo abbiamo fatto al limite. Arriva l’allarme quando mancano 2 giri più o meno, per fare un giro più piano per fare la gara, è arrivato ad un giro e mezzo, ho spinto fino ad arrivare alla fine. La strategia se Quartararo era dietro di me cambiava negli ultimi 10 giri, dopo dovevo andare dietro, quando vai dietro con la scia il consumo di benzina è molto più basso, sarebbe stata un’altra strategia, ma sapevo che con 2 secondi ce la facevo fino alla fine“, ha spiegato lo spagnolo ai microfoni Sky.

marc marquez
AFP/LaPresse

Quest’anno il team sta lavorando molto bene e soprattutto essere costante nelle prove e lavorare per la gara permette poi di pulire un po’ di più, sapevo che il passo doveva essere 46,2/3 perchè sapevo che se andavo più forte non ce la facevo con la benzina. Titolo costruttori? Eh si da solo, da solo, anche le altre Honda lavorano, questa mattina è arrivato il presidente di Honda è venuto e mi ha detto voglio il titolo Costruttori qui in Giappone, e ho detto ok non c’è pressione“, ha concluso Marquez.