marc marquez
AFP/LaPresse

Il pilota spagnolo ha già individuato i suoi prossimi obiettivi dopo aver vinto il titolo mondiale in Thailandia

La corsa al Mondiale piloti è terminata in Thailandia con la vittoria di Marc Marquez, che ha messo in bacheca l’ottavo titolo della sua straordinaria carriera.

Marquez
AFP/LaPresse

Ci sono però ancora quattro gare da disputare in calendario, un bottino non proprio insignificante per un cannibale come lo spagnolo. Dunque i prossimi obiettivi sono già belli e fatti, con il rider della Honda proiettato già al prossimo appuntamento di Motegi, dove vuole sfatare un piccolo tabù: “la mia rincorsa al nono titolo inizia a Motegi, lì inizieremo a lavorare per il futuro. Ma prima vorrei provare a cambiare la statistica che dice che non finisco la gara successiva alla vittoria del Mondiale. E poi vorrei finire le prossime gare sul podio. Questa è stata la mia miglior stagione: nel 2014 avevo vinto dieci gare di fila, ma era tutto diverso, la mia moto, gli avversari, l’equilibrio che c’è adesso allora non esisteva. Noi siamo stati soprattutto bravi a concentrarci sui nostri punti deboli, li abbiamo risolti e ci siamo così salvati da tante situazioni difficili. Guardando la classifica è facile dire che ho corso senza pressione, ma in realtà tutti sono lì ad aspettare una mia caduta, ogni domenica sono il primo che tutti vogliono battere. Per un pilota è anche facile avere la mentalità giusta, ma non lo è altrettanto per il team. I miei, in questo, sono invece bravissimi. E così tutto è più facile“.