jorge lorenzo
Alessandro La Rocca /LaPresse

Jorge Lorenzo chiude 18° la gara del Gp della Thailandia: altra prova incolore per lo spagnolo che punta il dito contro Honda

È partito 18°, ha concluso nella stessa posizione ma grazie ai ritiri di Mika Kallio e Aleix Espargaro. Quella di Buriram è stata l’ennesima gara da dimenticare per Jorge Lorenzo, alle prese con una condizione fisica in leggero miglioramento ma con i soliti problemi legati al feeling con la moto.

Nel giorno in cui Marc Marquez, compagno di scuderia, vince il titolo Mondiale, Lorenzo non manca di rifilare una netta stoccata alla Honda: “non c’è stato niente di positivo, a parte la mia condizione fisica. Sono molto lento e ho uno svantaggio in termini di secondi troppo importante rispetto agli altri, non ho buone sensazioni in frenata. Il limite lo crea il motore, che è il problema principale. A Motegi i problemi continueranno ad esserci, non proveremo niente di nuovo che ci possa permettere di fare un miglioramento significativo. Qui ho finito peggio rispetto ad Aragon e questo non va bene. Sarebbe interessante che Honda si concentrasse nel migliorare questi problemi che genera il motore in curva, affinché non solo un pilota possa essere capace di vincere gare”.