Dovizioso
Alessandro La Rocca/LaPresse

Andrea Dovizioso si mostra fiducioso in vista della gara della Thailandia: il pilota Ducati ammette di essere meno veloce di Marquez, ma il distacco sembra essere inferiore rispetto ad Aragon

Bastano due punti a Marc Marquez per laurearsi, ancora una volta, campione del mondo di MotoGp. Due punti in più di Andrea Dovizioso, l’inseguitore di tutta la stagione che in Thailandia non ha però intenzione di arrendersi. Se lo spagnolo sembra essere ancora più veloce, il pilota Ducati si mostra fiducioso in quanto il distacco risulta inferiore rispetto ad Aragon. A Sky Sport Dovizioso ha spiegato: “abbiamo portato la morbida da questa mattina e siamo stati costanti, questo è l’aspetto fondamentale. Non siamo i più veloci ma siamo nel gruppo. Marquez ha qualcosina in più, ma non siamo così lontani come ad Aragon, abbiamo le nostre possibilità secondo me. Vediamo domani se sarà asciutto e potremo migliorare alcuni aspetti dei quali non sono contento. Oggi siamo riusciti a migliorare la frenata in inserimento, siamo abbastanza forti lì secondo me, ma non sono riuscito a chiudere la curva come vorrei perchè c’è tanto caldo e le gomme fanno fatica, soprattutto nel T3 e T4. Però siamo lì, dobbiamo lavorare“.

Costanza Benvenuti – LaPresse

Ai microfoni di Motorsport Dovizioso ha poi aggiunto: “come sempre, bisogna interpretare le cose, ma come primo giorno non è male, perché siamo riusciti ad essere costanti facilmente. Non siamo i più veloci, ma siamo costanti e questo è fondamentale. Non mi è venuto un gran giro alla fine, quindi siamo ottavi, ma il distacco non è grande, anche se Marc al momento ha qualcosina in più.

Quest’anno nelle ultime gare siamo andati in una direzione diversa, che ci ha fatto andare un po’ meglio, ma non è detto che debba andare bene su tutte le piste. Dipende molto dalle caratteristiche che trovi di gomme e grip e bisogna sempre adattarlo alla pista, ma mi sembra buono qui. Caduta Marquez? Cadere è sempre brutto e quando prendi delle botte così secche non fa mai bene, ma credo che stia peggio la moto. Purtroppo non mi sorprende che sia stato subito veloce quando è tornato in pista“.