Coleen Rooney
LaPresse/EFE

L’attaccante inglese, che a fine dicembre lascerà i DC United, ha espresso il proprio parere su un problema che attanaglia la MLS

La sua esperienza nella Major League Soccer terminerà a fine dicembre, quando il suo contratto con i DC United arriverà a scadenza, ma Wayne Rooney ha ancora qualche sassolino da togliersi dalla scarpa.

Rooney
AFP/LaPresse

Intervistato ai microfoni di ‘The Athletich’, l’attaccante inglese ha puntato il dito contro gli stipendi garantiti ai giocatori americani, esprimendo il proprio punto di vista sulla vicenda: “qui lo stipendio è un problema, penso che non sia abbastanza alto considerate le entrate della Mls. A risentirne di più sono i giocatori americani più giovani. Penso che i calciatori della Mls meritino di più, lavorano sodo come facciamo noi in Europa e si allenano tanto come facciamo noi però ne traggono vantaggio solo a volte. Qui poi i giocatori vengono ceduti con leggerezza. Da un giorno all’altro gli viene detto che devono trasferirsi dalla costa occidentale a quella orientale e viceversa. Per le famiglie è difficile spostarsi senza preavviso. A volte restano bloccatiPenso che debbano essere liberi di cambiare squadra più liberamente come succede in Europa”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE