Mancini
Fabio Ferrari/LaPresse

Il commissario tecnico azzurro ha parlato della sua Nazionale, soffermandosi anche su quei giovani che ne rappresentano il futuro

L’Italia si prepara a tornare in campo per le qualificazioni ad Euro 2020, manca poco per ottenere la qualificazione aritmetica alla prossima rassegna iridata, considerando il filotto di vittorie fin qui conquistato.

Pinamonti
Federica Roselli/LaPresse

Roberto Mancini non ha nessuna intenzione di abbassare la guardia, dunque si affiderà contro Grecia e Liechtenstein alla miglior formazione possibile. Interrogato a Radio Deejay su chi sarà il prossimo centravanti azzurro, il ct non ha avuto dubbi: “Pinamonti, è il futuro della Nazionale. Lui ha bisogno di crescere e sta migliorando. Poi adesso dobbiamo guardare al presente e cercare di vincere quindi il nome titolare sarà uno di quei 4 che avete fatto voi, ma mi aspetto che prima di Euro 2020 qualcuno esca all’improvviso, anche se la base della squadra è fatta. Zaniolo? Lui e Chiesa sono giovani e non sono ancora maturi al 100% sotto tanti aspetti. Hanno bisogno di giocare tante partite e hanno tanta strada da fare. Per me Zaniolo con la sua tecnica e la sua fisicità è meglio da mezz’ala. Quello che è certo è che non è un attaccante. D’Ambrosio? Io l’ho allenato, lo conosco benissimo. So quello che può dare, in più ruoli, ed è un ragazzo serissimo. Lo avevo già convocato nelle ultime occasioni”.