Antonio Conte
Marco Alpozzi/LaPresse

L’Inter si ferma 2-2 contro il Parma e fallisce il sorpasso sulla Juventus: le scorie della Champions si fanno sentire, Conte non dà la scossa a partita in corso e la rosa corta non regala qualità dalla panchina

Dopo il pareggio della Juventus sul campo del Lecce, l’Inter aveva un’occasione ghiotta per effettuare il sorpasso in classifica e prendersi la vetta solitaria della Serie A. Di mezzo si è messo il Parma, in una delle migliori versioni stagionali, in grado di mettere in seria difficoltà i nerazzurri al punto di fermarli sul 2-2. Occasione sfumata dunque, la classifica recita: Juventus prima a 23 punti e Inter seconda a 22.

Parma
Marco Alpozzi/LaPresse

È un’Inter che sta bene fisicamente nonostante le scorie della Champions League si facciano sentire, lo dimostra Antonio Candreva, letteralmente rigenerato dalla cura Antonio Conte, autore del gol del vantaggio al 23′. Il Parma è comunque in partita e nel giro di 7 minuti ribalta completamente la gara. La velocità di Karamoh fa a pezzi la retroguardia della sua ex squadra permettendo al francese di segnare il gol del pareggio e sfornare l’assist a Gervinho per il sorpasso. Il tutto condito da una fantastica prova di Dejan Kulusevski, in grado di unire forza fisica, eleganza e velocità nel ricucire il gioco offensivo degli emiliani.

lukaku conte
Massimo Paolone/LaPresse

Nel secondo tempo serve una scossa che non arriva. Antonio Conte resta fedele al suo 3-5-2, l’Inter costruisce tanto ma non riesce mai a rendersi realmente pericolosa fino a quanto un’invenzione di Brozovic pesca Candreva in posizione dubbia (convalidata dal VAR) per l’assist vincente a Lukaku. Sul 2-2 il Parma si copre, Conte pesca dalla panchina il giovane Esposito all’esordio in Serie A e Politano, ingressi grintosi ma piuttosto fumosi. L’Inter non riesce a trovare il gol del vantaggio e al triplice fischio lascia San Siro con l’amaro in bocca. La rosa nerazzurra, orfana di Sensi e Sanchez, ha un evidente vuoto di qualità in fase offensiva: non sempre si può vincere solo con tattica e grinta.