I giocatori della Turchia esultano pro Erdogan, Calderoli sbotta: “Demiral e Under tornino a casa loro!”

LaPresse / Roberto Monaldo

Roberto Calderoli ha condannato aspramente l’esultanza ‘militare’ dei giocatori della Turchia: il vice presidente del Senato ha puntato il dito contro gli ‘italiani’ Demiral e Under

Nelle ultime ore sulla nazionale di calcio della Turchia sono piovute pungenti critiche. Il motivo? L’esultanza in posa militare dei calciatori dopo la vittoria nel match contro l’Albania. Il gesto è stato chiaramente rivolto verso il presidente Erdogan, appoggiando la decisione della Turchia di bombardare i territori curdi in Siria. Atto fortemente condannato da più parti.

In Italia è stato Roberto Calderoli, vice presidente del Senato, ad esprimere una delle condanne più dure: “se i calciatori turchi Demiral della Juventus e Under della Roma vogliono fare i nazionalisti e applaudire all’attacco militare della Turchia contro i curdi lo vadano a fare a casa loro, a Istanbul o ad Ankara. Sono pro Erdogan? Benissimo tornino a giocare in Turchia, vadano al Galatasaray, al Besitkas, al Fenerbahce o dove vogliono, così potranno applaudire il loro regime direttamente da sotto il balcone di Erdogan. Bene hanno fatto i tifosi juventini e romanisti a chiedere loro sui social di andarsene e sfilarsi la maglia dei loro club. Mi unisco alla richiesta, andatevene in Turchia e rinunciate ai vostri ingaggi milionari pagati dai club italiani: l’Italia è per la democrazia e per la pace, l’Italia è per la libertà, per il rispetto dei popoli e della vita altrui. Non siete d’accordo? Tornatevene in Turchia dal vostro Erdogan“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (17828 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery