Ma dov’è finito il Napoli? Idee confuse e attacco sterile, il Genk ringrazia e si prende un punto d’oro

Genk-Napoli AFP/LaPresse

Nessun gol in Belgio tra Genk e Napoli, i padroni di casa gestiscono senza soffrire gli attacchi azzurri e portano a casa un prezioso pareggio

Le prime avvisaglie si erano avute contro il Cagliari, un ko casalingo riscattato poi con il successo sul Brescia, arrivato comunque soffrendo e con il minimo scarto. In Champions League ci si aspettava tutta un’altra prestazione del Napoli, invece lo 0-0 maturato a Genk conferma il precario stato di salute degli azzurri.

Genk-Napoli

AFP/LaPresse

Carlo Ancelotti prova a mescolare le carte, lasciando in tribuna Lorenzo Insigne per scelta tecnica e mandando in panchina Dries Mertens e Fernando Llorente, affiancando Milik a Lozano per scardinare la difesa belga. La manovra di Callejon e compagni però è lenta e macchinosa, così la formazione di casa può controllare senza patemi le offensive avversarie, raramente pericolose dalle parti di Coucke. Sembra sulle gambe il Napoli in questo periodo, settimane complicate in cui gli azzurri non riescono ad imporre il proprio gioco, finendo per soffrire per larghi tratti del match. Poca cosa il Genk per rischiare la sconfitta, ma il 6-2 subito a Salisburgo dai belgi avrebbe dovuto spingere la squadra di Ancelotti ad osare di più, invece poche sono state le occasioni degne di nota prodotte dai napoletani. Azioni confuse, tranne che per qualche ottima giocata di Malcuit e Di Lorenzo, riusciti a creare qualche pericolo in area avversaria con cross tesi e difficili da prevedere.

Genk-Napoli

AFP/LaPresse

Milik non è ancora in condizione, Lozano sembra non riuscire ad integrarsi negli schemi di Ancelotti: prova fallita per entrambi questa sera, che torneranno certamente in panchina nel prossimo match di Serie A per lasciare spazio a più pimpanti compagni. Un pari che lascia aperti i giochi nel girone, con il Liverpool che ha adesso la possibilità di avvicinarsi vincendo con il Salisburgo: a quel punto saranno tre squadre nel giro di un punto, una situazione particolare che Ancelotti non si sarebbe certamente augurato alla vigilia.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Ernesto Branca (31021 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery