Formula 1, Vettel guardingo: “la Red Bull ha sempre brillato in Messico, ma vogliamo giocarcela”

vettel Photo4/LaPresse

Il pilota tedesco ha parlato in vista dell’appuntamento di Città del Messico, esprimendo il proprio punto di vista

Si torna in pista, il circus della Formula 1 fa tappa in Messico per un appuntamento davvero complicato per le scuderie e i piloti. L’altezza in cui si svolge il Gran Premio condiziona e non poco le prestazioni delle monoposto, situazione che ingegneri e meccanici dovranno tenere bene in considerazione.

Vettel e Leclerc

Lapresse

In casa Ferrari l’ottimismo è alto, lo conferma Sebastian Vettel ai microfoni del sito ufficiale: “il fatto di gareggiare a oltre duemila metri ha ovviamente un forte impatto sul comportamento della vettura. Scendiamo in pista con la configurazione a massimo carico aerodinamico ma, a causa dell’altitudine, l’aria è talmente rarefatta che l’effetto che otteniamo in termini di efficienza è minimo. Proprio per questo è sul rettilineo di Città del Messico che si ottengono le punte massime di velocità di tutta la stagione. La conseguenza in negativo di tutto ciò è che la vettura è molto difficile da gestire in curva, perché non c’è il carico aerodinamico che normalmente ci aiuta ad avere una monoposto stabile e precisa. Su questa pista la macchina si muove molto, fatica a far lavorare nella maniera corretta le gomme ed è complicata da interpretare anche nelle sensazioni che comunica al pilota. Il giro di pista è piuttosto breve ma non è affatto semplice azzeccare tutto nel migliore dei modi. Negli scorsi anni siamo sempre stati competitivi in Messico anche se la Red Bull lo è stata di più. Siamo tuttavia fiduciosi di potercela giocare, vediamo cosa succede quando scendiamo in pista“.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Ernesto Branca (30822 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery