Marko
Photo4/LaPresse

Il consulente della Red Bull ha parlato dopo la prima giornata di libere, soffermandosi sul livello della Ferrari e sul tifone

Helmut Marko va controcorrente in Giappone, considerando come esagerato l’allarme scattato per il tifone Hagibis. Il super consulente della Red Bull ha snobbato la minaccia dell’uragano, sottolineando come quella di domani sarà una giornata persa per i team.

Hamilton
Photo4/LaPresse

Per quanto riguarda l’attività in pista, l’austriaco ha espresso le proprie sensazioni ai microfoni di Auto Motor und Sport: “questa volta abbiamo iniziato il weekend con il piede giusto. Tuttavia abbiamo provato troppe cose a livello di set-up, ci saremmo dovuti focalizzare maggiormente nel raccogliere dati per provare a chiudere il divario dalla Mercedes. Siamo allo stesso livello di Bottas, mentre Hamilton è troppo veloce per noi. Le Frecce d’Argento hanno ancora un ‘extra’ se raffrontate a noi, in particolare sui long run siamo in ritardo, dobbiamo trovare qualcosa per colmare questo divario. Le Ferrari invece non sono veloci come ci aspettavamo. Domani andrò a Kyoto, sembra sia una bella città. Il tifone? Non arriverà un bel nulla, proprio come nel 2004. E anche lì abbiamo perso un giorno”.