montezemolo
LaPresse/Vincenzo Livieri

L’ex presidente della Ferrari si è soffermato sulle lamentele di Leclerc, esprimendo il proprio punto di vista sulla questione

Non ama parlare più di tanto della Ferrari da quando non ne è più il presidente, qualche eccezione però qua e là c’è sempre. Luca Cordero di Montezemolo non può esimersi, glielo chiede il suo passato, legato a doppio filo al mondo del Cavallino.

Leclerc
Lapresse

Intervenuto alla presentazione del libro di Umberto Zapelloni a Roma, l’ex numero uno del team di Maranello ha ammesso: “molti oggi se ne stanno lì a scrivere sentenze senza conoscere il mondo della Formula 1. Mi chiedono spesso di paragonare quel pilota con quell’altro, Schumacher con Lauda e così via. Parliamo di generazioni diverse e Charles Leclerc è uno dei migliori della sua.Gli ordini di scuderia? Ho ancora davanti agli occhi quella litigata con Barrichello, al quale avevamo detto di lasciar passare Michael e lui si era arrabbiato. Gli dissi che doveva fare ciò che avevo deciso. Punto e basta. Vi assicuro che, se Leclerc venisse nel mio ufficio a espormi simili rimostranze, sentireste più di qualche urletto“.