verstappen
photo4/Lapresse

Il pilota olandese ha analizzato il contatto al via con Leclerc, accusando il monegasco di essergli andato addosso in curva 1

Il contatto in curva 1, la monoposto danneggiata e il conseguente ritiro, costato a Max Verstappen uno zero in classifica. Il pilota olandese non ci sta, nonostante l’investigazione fatta partire dai commissari durante la gara, che verrà conclusa in queste ore con una decisione che potrebbe costare una penalità al pilota della Ferrari.

leclerc
Photo4/LaPresse

Duro lo sfogo di Mad Max a fine gara ai microfoni di Sky Sport F1: “sono deluso, eravamo partiti molto bene ed ero già terzo. Charles ha avuto sottosterzo e mi è venuto addosso, dopodiché la mia monoposto era danneggiata e mi son dovuto ritirare. Tutti sanno che quando si segue un’altra vettura si perde carico aerodinamico, questa non può essere una scusa. Ha abbastanza esperienza per saperlo. Da parte mia non c’è stato nulla che avessi potuto fare, l’unica cosa sarebbe stata quella di andare fuori pista. La decisione dei Commissari? Credo che possa andare solo in un verso seguendo il regolamento, poi non lo so. Non ho capito perché all’inizio il contatto non sia stato messo sotto investigazione. La mia vettura era distrutta. Adesso hanno deciso di investigare l’episodio ma solo dopo la fine della gara. Che cosa dovrebbe fare di più per meritare una penalità? Mi piace correre in modo duro, ma questo è correre in modo irresponsabile. Entrambe le Ferrari hanno fatto una pessima partenza e lui ha cercato di recuperare subito senza pensare che la gara è lunga. E’ un peccato quello che è successo. Sono deluso”.