Sorpresa Evra, il francese spiazza tutti: “l’avversario più duro che ho incontrato non è Messi, ma…”

Pa/LaPresse

Il francese ha rivelato il nome dell’avversario più duro mai incontrato e, sorprendentemente, non è un attaccante

Avversari forti e tosti nel corso della sua lunga carriera ne ha affrontati tanti, ma Patrice Evra ricorderà sempre e solo James Milner. Una vera e propria spina nel fianco, con cui il francese ha vissuto numerosi duelli in ogni zona del campo.

AFP/LaPresse

Niente Messi o Cristiano Ronaldo, è stato il centrocampista inglese a far ammattire Evra: James Milner senza dubbio è l’avversario più duro che ho incontrato. Ho giocato contro Messi molte volte, ci affrontavamo nella zona di campo esterna, non dirò che è facile marcarlo, ma credo che me la sono cavata” le parole di Evra a Sky Sports. “È quando si accentra che diventa molto più pericoloso, perché può andare a destra o a sinistra. Il giocatore che più mi rendeva frustrato è James Milner. Io sono sempre stato un difensore offensivo e lui mi seguiva dappertutto. Mi sfidava in ogni zona del campo. In area, ovunque. A volte mi sentivo davvero frustrato. ‘Vai e attacca e lasciami in pace!’. Quando stavo giocando il derby contro il Manchester City, l’ho avuto contro. Poi ancora quando è andato al Liverpool e l’ho sfidato di nuovo. Quindi sì, quello che mi ha frustrato di più è stato James Milner“.

AFP/LaPresse

Poi non è mancata una battuta sull’episodio con Suarez, relativo alle accuse di razzismo che il francese rivolse all’uruguaiano tempo fa: “tutti quanti mi chiedevano la stessa cosa, persino mia madre. E io le ho detto ‘lui ha sbagliato e io sono uno che perdona, non ci andrò in vacanza assieme, ma la mano posso stringergliela’. Ma quando non me l’ha stretta lui, ho pensato ‘ma che problemi ha questo, così fa una figura ancora peggiore’. Ero triste per lui“.

Valuta questo articolo

Rating: 2.0/5. From 1 vote.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Ernesto Branca (30826 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery