Doping

Russia ancora nella bufera doping: il direttore dell’agenzia antidoping russa teme l’esclusione da Tokyo 2020 e Pechino 2022

Alla rappresentativa olimpica della Russia verrà vietato di prendere parte a Tokyo 2020. E penso che la stessa cosa accadrà per i Giochi invernali di Pechino ’22“. Con queste parole Yuri Ganus, direttore dell’agenzia antidoping russa (Rusada), si è espresso duramente in merito alle accuse di doping rivolte alla Russia. Dopo il divieto di partecipare ai Mondiali di atletica di Doha, la federazione russa potrebbe potrebbe essere esclusa anche dalle Olimpiadi di Tokyo 2020 e Pechino 2022. “La Russia non può continuare con certi metodi – è l’atto di accusa di Ganus, come riporta la Bbc – che rendono la situazione peggiore. E dobbiamo smetterla di pensare che l’Occidente ce l’abbia con noi e ci metta pressione: c’è bisogno di mettere le cose in ordine“.