Son
Lapresse/AFP

Il giocatore del Tottenham ha raccontato l’atmosfera respirata durante il derby delle due Coree, rivelando retroscena particolari

Nessuna tv a riprendere l’incontro, stadio vuoto e niente sponsor sulle maglie perché troppo capitalisti. Si è svolto in queste condizioni il derby tra Corea del Nord e Corea del Sud a Pyeongyang, un match terminato senza reti ma con tanto agonismo in campo.

Son
Lapresse/AFP

Tanti falli e parole poco edificanti tra i giocatori in campo, una situazione delicata raccontata da Son Heung-min: “peccato non aver vinto, ma la partita è stata così aggressiva che penso che sia quasi un miracolo essere tornati tutti interi, senza esserci infortunati. I giocatori della Corea del Nord erano molto su di giri e aggressivi, sono volate parecchie parolacce“. Il ct della Corea del Sud si è invece soffermato sulle situazioni di campo: “non è stata una bella partita, non siamo riusciti a fare quello che avevamo preparato. E poi l’arbitro ha fermato troppo spesso il gioco” le parole di Paulo Bento. Durissimo invece Choi Young-il, vicepresidente della Federazione Coreana: “sembrava di stare in guerra, non avevo mai visto un comportamento così aggressivo su di un campo da calcio“.