Barcellona-Inter
AFP/LaPresse

La squadra nerazzurra esce sconfitta dal Camp Nou, la doppietta di Suarez ribalta l’iniziale svantaggio di Lautaro Martinez: prestazione comunque convincente degli uomini di Conte

E’ un’Inter che esce a testa altissima dal Camp Nou, una squadra capace di mettere davvero in difficoltà il Barcellona sul proprio campo, andando in vantaggio e rischiando in tre occasioni di trovare il raddoppio.

Barcellona-Inter
AFP/LaPresse

Linee corte, attenzione difensiva massima e ripartenze fulminee: così Antonio Conte prepara la sfida contro i blaugrana, andando a nozze nei primi quarantacinque minuti, nel corso dei quali la differenza tra le due formazioni non si vede affatto. Anzi è l’Inter a dominare la scena, rendendo nervosi Messi e compagni, che incattiviscono la partita con entrate al limite del regolamento. L’unica colpa dei nerazzurri è quella di non chiudere la contesa, dopo aver trovato il gol dello 0-1 dopo due minuti con Lautaro Martinez. Il ‘Toro’ scalpita e si muove moltissimo, sfiorando anche il raddoppio con un colpo di testa impreciso che avrebbe meritato miglior sorte. Lo 0-2 arriva anche con Candreva, ma l’arbitro Skomina annulla per evidente fuorigioco. Nella ripresa viene fuori dagli spogliatoi un altro Barcellona, che comincia a prendere le misure ai nerazzurri e a mettere in difficoltà la difesa guidata da Skriniar.

Barcellona-Inter
AFP/LaPresse

Il pareggio è solo questione di minuti e arriva con Luis Suarez, che si inventa un pazzesco destro al volo su assist di Messi che incenerisce Handanovic. L’Inter barcolla ma non si abbatte, rispondendo colpo su colpo e andando vicina al vantaggio con Politano. Dall’altro lato però che quel numero 10 che quando decide che è ora di vincere, niente e nessuno può fermarlo. Asamoah non può nulla in velocità, Brozovic tenta il tutto per tutto ma resta sorpreso dalla finta di Messi, che a questo punto serve Suarez a centro area per il raddoppio del Pistolero. I nerazzurri alzano le mani e si inchinano al Messia, che spacca per l’ennesima volta una partita che la squadra di Conte, avrebbe anche meritato di pareggiare. La differenza però la fanno i campioni, il calcio è anche questo. All’Inter restano i rimorsi, ma difficilmente basteranno per rimettere in piedi un girone che si fa adesso davvero complicato.