Spagna, lezione di tattica e tecnica all’Argentina: la ‘Roja’ è campione del mondo di Basket!

AFP/LaPresse

La Spagna supera l’Argentina 75-95 nella finale dei Mondiali di Basket 2019: gli iberici dominano la gara per tattica e tecnica e vincono il loro secondo Mondiale

Alla vigilia del Mondiale Argentina e Spagna non erano inserite nel lotto delle favorite. Se confrontate ai roster di Serbia e Stati Uniti, al massimo avrebbero potuto occupare il ruolo di outsider. Le previsioni però sono fatte per essere smentite e soprattutto, quando si parla di nazionali, saper giocare di squadra e dare il 110% nel rappresentare il proprio Paese può fare la differenza.

AFP/LaPresse

Ne è l’esempio l’Argentina, trascinata alla terza finale Mondiale dal 39enne scuola, capace di spiegare basket alla Francia di Gobert, giustiziere degli USA: una squadra che con la grinta, le pennellate di genio di Campazzo e la forza del gruppo, ha ridotto il gap tecnico con le avversarie. Ne è l’esempio la Spagna, mix di talento e solidità mentale bilanciati al millimetro da quel chimico del basket che risponde al nome di Sergio Scariolo, capace di battere Italia, Serbia e Australia alternando momenti di sofferenza a momenti di puro talento cestistico.

Finale inattesa, ma ampiamente meritata. Peccato che la medaglia d’oro da assegnare possa essere una sola. Se la prende la Spagna, giocando una partita di autentico dominio tattico e tecnico. L’equilibrio nel punteggio praticamente non esiste: la Spagna segna, difende e scappa nel punteggio, l’Argentina accorcia quando dà fondo a tutte le energie dei suoi, ma non riesce mai a riprende la ‘Roja’ che arginato l’impeto dei sudamericani, lavora bene in attacco e aumenta nuovamente il margine di vantaggio che in certi momenti dell’incontro arriva anche a superare i 20 punti.

AFP/LaPresse

Il primo tempo si chiude 31-43, con Scola che firma 0 punti (8 a fine gara), tagliato fuori dalla difesa spagnola. Senza il suo leader carismatico e tecnico, l’Argentina si aggrappa ai 24 punti di Deck ma perde lentamente la presa sulla partita, mentre la Spagna difende bene e morde alla giugulare dell’incontro in attacco. Dopo il suono della sirena il punteggio recita 75-9. Marc Gasol (14 punti, 7 assist e 7 rimbalzi) eguaglia il primato di Lamar Odom (2010) vincendo titolo NBA e Mondiale, levandosi definitivamente l’etichetta di semplice ‘fratello di Pau Gasol’. Doppietta firmata anche da Sergio Scariolo, assistente dei Raptors e head coach della Spagna. Llull (15 punti) e Rubio (20 punti, MVP del torneo) si confermano la miglior coppia di playmaker del Mondiale. L’Argentina esce a testa alta da un Mondiale nel quale ha sbagliato solo l’ultima, decisiva, partita contro una Spagna che anche senza Pau Gasol, Calderon, Rodriguez resta ricca di talento.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (17406 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery