Il numero uno della Federazione Italiana Pallavolo ha espresso la propria soddisfazione per l’arresto dello stalker di Alessia Orro

È di ieri la notizia dell’arresto dello stalker che negli ultimi mesi ha perseguitato la palleggiatrice azzurra Alessia Orro. Una brutta vicenda, conclusasi in maniera positiva, che il presidente Pietro Cattaneo commenta in questo modo: “Il primo pensiero va ovviamente ad Alessia, una ragazza stupenda che per molte stagioni abbiamo avuto la fortuna di crescere al Club Italia. Posso solo immaginare quanto siano stati per lei tormentati e difficili gli ultimi mesi, vissuti sotto l’angoscia delle minacce. Ad Alessia voglio inviare un forte abbraccio e ribadirle la vicinanza della Federazione Italiana Pallavolo e di tutto il mondo del volley. Il fenomeno dello stalking è un crimine cha va combattuto duramente, seguendo anche l’esempio di Alessia che non ha avuto paura di denunciare il suo persecutore. Un sincero grazie va alle forze dell’ordine che sono intervenute con tempestività, arrestando lo stalker. Questa mattina tra i tanti articoli letti, mi ha colpito favorevolmente quello apparso sul “Corriere della Sera” a firma di Massimo Gramellini. In poche righe è stato capace di cogliere tutta la forza del nostro mondo, una forza che va ben oltre i risultati sportivi. Il gioco di squadra, applicato alla vita, è forse il valore più bello e profondo che la pallavolo possa trasmettere. La nostra è una meravigliosa disciplina, capace spesso di abbattere muri, ma anche di erigerne solidi, quando vengono violati quei valori che sono alla base della società civile”.